Causa maxi-caduta al Tour de France, chiesti 4 mesi

Causa maxi-caduta al Tour de France, chiesti 4 mesi
Ticinonews.ch SPORT

Il suo avvocato Julien Bradmetz l’ha definita come “fragile” chiedendo lo svolgimento del processo a porte chiuse

Briand ha sottolineato che la giovane “ha riconosciuto la pericolosità del suo comportamento”.

La ragazza con la mantellina gialla e il cartello “Allez Opi-Omi” al Tour de France sarà sicuramente una di quelle scene emblematiche che difficilmente dimenticheremo.

Proprio per questo motivo oggi la giovane è comparsa in Tribunale dove il procuratore pubblico Solenn Briand ha chiesto quattro mesi con la condizionale. (Ticinonews.ch)

Su altre fonti

È un Tour aperto all'Europa e alle donne, visto che nel 2022 tornerà anche l'edizione femminile (otto tappe, ndr), che mancava dal calendario dal 2009. Più che un giro di Francia è un bel giro d'Europa, che partirà dalla Danimarca, a Copenhagen, passando però anche per Belgio e Svizzera, e attraverserà anche qualche tratto di pavé della Roubaix. (il Giornale)

Analizzeremo il percorso e prenderemo una decisione sul modo nel quale affronteremo il Tour”. È importante arrivare in buone condizioni fisiche“, ha concluso Quintana, che ha indicato soprattutto le tappe dell’Alpe d’Huez e del Col du Granon come quelle più importanti (SpazioCiclismo)

Il corridore della UAE Team Emirates ritiene comunque che il percorso possa essere adatto alle sue caratteristiche, in modo particolare se la condizione dovesse essere quella degli ultimi due anni. La presentazione della Grande Boucle è avvenuta questa mattina e lo sloveno ha rilasciato delle prime dichiarazioni a Cyclingnews. (SpazioCiclismo)

Tour de France 2022, Richard Plugge: “Van Aert potrebbe puntare alla Maglia Verde”

Penso che sarà veramente uno spettacolo molto bello per il pubblico a casa e anche molto impegnativo per noi. «Il tracciato mi piace molto e penso che già nella prima settimana ci saranno delle opportunità per corridori come me Mi sembra che ci sia un po’ di tutto nella prima settimana. (TUTTOBICIWEB.it)

A rendere purtroppo memorabile la prima tappa del 108esimo Tour de France da Brest a Landerneau, lo scorso 26 giugno, era invece stato un cartello («Allez Opi Omi» grossomodo: forza nonno e nonna) esposto in favore di telecamere da una giovane (e sconsiderata) tifosa sulla Cote de Saint-Rivoal, a 47 chilometri dall’arrivo. (Corriere della Sera)

Wout quest’anno ha corso un fantastico Tour anche senza vincere la Maglia Verde Plugge ha infatti lasciato intendere che, vista la presenza di pochi arrivi per velocisti puri, il corridore belga potrebbe valutare di correre con l’obiettivo della Maglia Verde. (SpazioCiclismo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr