Aldo Winkler e la Dakar col figlio Andy: "Non arriverò alla fine, ma insieme è stato bello"

Aldo Winkler e la Dakar col figlio Andy: Non arriverò alla fine, ma insieme è stato bello
La Gazzetta dello Sport SPORT

Il fascino dell’Africa — Quella di Aldo e Andy è una storia bellissima, quella di un padre e un figlio che decidono di correre assieme la Dakar in moto, a 24 anni dall’ultima volta del genitore.

Fermarsi in mezzo al nulla, poi, sarebbe stato peggio e avrei anche rovinato la gara di Andy.

Così, questa mattina, Aldo Winkler ha abbracciato Andrea, suo figlio, gli ha augurato in bocca al lupo e poi è andato a mettersi nelle mani dei medici, abbandonando la corsa. (La Gazzetta dello Sport)

Ne parlano anche altri media

Dakar, Leonardo Tonelli: “La tappa 11? (Motosprint.it)

Nella nostra intervista ci parla anche delle condizioni di salute, fortunatamente non gravi, di suo padre Aldo, con cui partecipa a questa Dakar (Moto.it)

Dopo la puntata di ieri sera con l'ospitata a sorpresa di Franco Picco, il nostro squadrone di giornalisti torna in diretta, tra Milano e l'Arabia Saudita, per commentare la penultima tappa di una gara più che mai nel vivo. (Moto.it)

Padre e figlio alla Dakar: la bellissima e emozionante avventura dei torinesi Winkler

"Sto facendo tanta esperienza. I primi giorni molto difficili, poi le cose hanno cominciato ad andare bene e per il pisano, alla sua prima esperienza in questo rally, la Dakar “normale” è finalmente iniziata. (Moto.it)

Nella nona tappa è stato investito dalla moto di un altro concorrente (Internò, ndr) e ha dovuto saltare la tappa successiva La Dakar è tutta diversa dal passato, sicuramente più esasperata, molto più tecnica, meno romanticismo, ma sempre la gara più dura ed esasperata. (TorinoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr