La resurrezione di Raggi: da sindaca-disastro alla rivincita nelle periferie

La Stampa INTERNO

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. il quotidiano e. gli allegati in digitale Sei già abbonato?

Ma il segreto c’è, per ora è invisibile e si chiama periferie: nei quartieri popolari della capitale la sindaca ha investito, ha operato una miriade di micro-interventi e soprattutto ha coltivato l’immagine di eroina anti-Palazzo. (La Stampa)

Su altre fonti

Ora, quindi, il gruppo pentastellato in Assemblea Capitolina, sindaca inclusa, può contare sullo stesso numero di consiglieri dell’opposizione. Con due mozioni che chiedono lo spegnimento delle ZTL o il ritiro delle deleghe a Calabrese, un fedelissimo della Sindaca. (RomaToday)

In tal caso ci sarebbero tre donne in corsa per la poltrona più ambita del Campidoglio: Virginia Raggi, Chiara Colosimo e Marianna Madia E sono i Fratelli d’Italia quelli che si stanno infilando in quel varco. (AlessioPorcu.it)

Roma vuole rivestire un ruolo di primo piano, ponendosi all’avanguardia della rivoluzione sociale ed economica che sta investendo l’intero pianeta. Abbiamo delle tappe importanti lungo il nostro cammino: il Recovery Fund, il Giubileo del 2025 e la candidatura all’Expo 2030 (ilmessaggero.it)

Viabilità San Giovanni, le modifiche promesse da Raggi non si vedono: “Il cantiere va fermato”

INNANZITUTTO IL LAZIO, che ha ritrovato il suo presidente a tempo pieno in Nicola Zingaretti ma registra le dimissioni del presidente del consiglio Marco Buschini, anch’esso esponente del Pd. Piovono grane per le amministrazioni di Lazio e di Roma, le cui sorti per diversi motivi (non tutti dipendenti dai protagonisti della vicenda) risultano incrociate più che mai. (Il Manifesto)

“Ad un anno e mezzo dal voto parla di Roma solo o chi è entrato nel Pd da cinque minuti o chi ne è uscito da cinque minuti. Prendiamoci le nostre responsabilità, mettiamo da parte qualche egoismo di troppo, e riportiamo la Capitale d’Italia ad essere degna di tal nome (TerzoBinario.it)

Forse non è un caso che, la revisione “dell’intero progetto” non sia arrivata anche perchè il presidente della commissione Mobilità fa parte della cosiddetta “fronda” interna al Movimento 5 stelle Dopo un fine settimana trascorso tra le polemiche dei cittadini, incolonnati su via La Spezia, via Taranto e sulle restanti strade del quartiere, Raggi aveva promesso dei cambiamenti. (RomaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr