La Fed lascia i tassi invariati fra lo 0 e lo 0,25%

La Stampa ECONOMIA

La Fed lascia invariati i tassi di interesse.

La Federal Reserve potrebbe avviare il rialzo dei tassi prima di quanto previsto dai mercati e in maniera più consistente, addirittura con tre ritocchi verso l'alto entro fine 2023

Il costo del denaro resta fermo fra lo 0 e lo 0,25%.

Da dicembre scorso la banca centrale statunitense acquista mensilmente 120 miliardi di dollari di titoli (80 miliardi di dollari in bond governativi, i cosiddetti Treasuries, e 40 miliardi di dollari in mortgage backed securities). (La Stampa)

Su altre testate

Riunione Fed: c’è attesa, ci sarà il compromesso? Mercati e non solo attendono conferme dalla riunione della Fed: cosa sarà deciso? (Money.it)

Il clima resta comunque di cauto ottimismo, soprattutto dinanzi alla vicenda del colosso immobiliare cinese, che ha ancora molti nodi da sciogliere. Alle ore 8.23 circa gli indici Shenzhen e Shanghai scambiano positivi, guadagnando rispettivamente lo 0,65% e lo 0,25%. (Money.it)

Di Geoffrey Smith e Alessandro Albano. Investing.com - La annuncerà l'ultima decisione di politica monetaria alle 20:00 CEST di questa sera, con tutti gli occhi rivolti verso l'inizio del "tapering". Al momento, i futures indicano il erano in rialzo di 216 punti, o dello 0,6%, mentre i futures erano in rialzo e i futures erano in rialzo dello 0,4%. (Investing.com)

Non si può assumere che la Fed possa proteggere l’economia da un default sul debito”. Per quanto riguarda il Pil, la Fed prevede che l’economia americana crescerà del 5,9% quest’anno, per poi rallentare al 3,8% nel 2022 e al 2,5% nel 2023. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr