Ecobonus 110% verso lo slittamento

Ecobonus 110% verso lo slittamento
PMI.it PMI.it (Economia)

Decreto Rilancio: detrazioni edilizie al 110% 15 Maggio 2020 Dal primo luglio entra in vigore l’ecobonus al 100% previsto dal decreto Rilancio, ma mancano i provvedimenti attuativi delle Entrate, per cui i contribuenti al momento non possono utilizzare l’agevolazione fiscale.

Ne parlano anche altri giornali

Ecobonus 110%: miglioramento di almeno due classi energetiche. Per la detrazione 110% riconosciuta come sisma bonus leggi qui. A tal proposito viene richiamato l’articolo 119 del DL 34/2020:. la detrazione del 110% richiede spese documentate; le spese devono essere sostenute dal contribuente nell’arco temporale che va dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021; la detrazione 110% viene ripartita in 5 quote annuali di pari importo. (InvestireOggi.it)

Ok all'asseverazione non contestuale al titolo edilizio. L'Agenzia delle Entrate, dopo aver ripercorso l'excursus normativo modificativo dell'art.16 comma 1-septies del DL 63/2013 ad opera dell'art. Sismabonus) alle zone classificate a rischio sismico 2 e 3. (ingenio-web.it)

Fiscalità condominiale. Ecobonus e sismabonus: si amplia la platea di fruitori e di immobili Quotidiano Del Condominio. Quotidiano Del Condominio 30 giugno 2020. [A cura di: FiscoOggi – Agenzia delle Entrate] L’Agenzia delle Entrate amplia l’ambito applicativo delle detrazioni per interventi di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza degli edifici esistenti. (Quotidiano del Condominio)

Un'asseverazione tardiva, in quanto non conforme alle predette disposizioni, non consente l'accesso al Sismabonus e non ci sono deroghe a questa regola. In tal caso, infatti, la detrazione può essere calcolata su un importo massimo di spesa pari a 96mila euro. (ingenio-web.it)

13/E del 2019, un’asseverazione tardiva, poiché non conforme alle predette disposizioni, non consente l’accesso alla detrazione. Il limite di spesa ammesso alla detrazione è annuale e riguarda il singolo immobile e le relative pertinenze. (Commercialista Telematico)

In tal caso, infatti, la detrazione può essere calcolata su un importo massimo di spesa pari a 96mila euro.Nella dichiarazione dei redditi, il contribuente dovrà comunque, dalle quali derivano i diritti edificatori, e il codice fiscale dei proprietari delle stesse. (Edilportale.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr