Loggia Ungheria, Davigo sarà sentito Pm di Milano a rischio trasferimento

Loggia Ungheria, Davigo sarà sentito Pm di Milano a rischio trasferimento
Corriere della Sera INTERNO

Le perplessità sul comportamento dell’ex collega che non ha formalizzato alcuna denuncia (né ha invitato a farlo il pm Storari), o sulla fondatezza delle accuse ad Ardita, non hanno prodotto altro.

Ma l’ex pm antimafia, che ne ha parlato con l’interessato, ha ritenuto di poter verificare subito la «palese calunnia» nei confronti del collega

Lui sì titolato a chiedere informazioni alla Procura di Milano e agli altri uffici giudiziari coinvolti, come ha fatto. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri media

Fatto sta che Storari premeva per verificare quelle notizie, vere o false che fossero, mentre i vertici della procura temporeggiavano. Questo solo segmento di una storia molto più complicata è al momento nelle mani dei pm di Roma che oggi ascolteranno in qualità di teste Piercamillo Davigo (ilGiornale.it)

E al dottor “Piercavillo”? Ma il dottor Piercavillo ha risolto brillantemente, come sempre il problema, diventando editorialista del Fatto quotidiano ed evitando le domande e il contraddittorio. (Il Riformista)

Caso "Ungheria" sfiorato al Csm, nel giorno in cui Davigo viene sentito per ore dai pm. Il vicepresidente Erm…

Sarà una iniziativa a carattere storico-religioso e , sottolineano al Quirinale, non è previsto che Mattarella prenda la parola Tra l'altro, dopo le valutazioni che saranno effettuate, la stessa Procura generale avrebbe la possibilità, in linea teorica, pure di avocare il fascicolo sul cosiddetto 'falso complotto Eni' nell'ambito del quale si svolsero gli interrogatori di Amara. (Rai News)

Caso "Ungheria" sfiorato al Csm, nel giorno in cui Davigo viene sentito per ore dai pm. Il vicepresidente Ermini: "Dai magistrati grande voglia di riscatto" di Giuliano Foschini , Conchita Sannino. (ansa). (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr