Napoli, rapinatori in pizzeria puntano il fucile contro clienti con bimbi piccoli - VIDEO

Gazzetta del Sud INTERNO

Due rapinatori incappucciati e a volto coperto hanno fatto irruzione in una pizzeria, portando via l'incasso e poi uno dei malviventi ha puntato il fucile contro i clienti, per farsi consegnare denaro, orologi e gioielli.

Nessuno scrupolo da parte dell'uomo nel minacciare con l'arma anche un avventore che sedeva a fianco di un bambino.

Momenti di terrore sabato sera a Casavatore in provincia di Napoli (Gazzetta del Sud)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Due rapinatori entrano in un ristorante, a Casavatore, in provincia di Napoli, e puntano le armi nei confronti delle famiglie presenti con bambini al seguito per farsi dare quanto in loro possesso e per portare via l'incasso della serata. (Lo Strillone)

Due uomini armati di fucili hanno fatto irruzione alla pizzeria “Un posto al sole” per derubare titolari e clienti, scatenando il panico. Le dichiarazioni dei gestori del locale. Inoltre, in un’intervista, i due titolari prendono le distanze dalle voci che li collegavano in qualche modo ai due malviventi (Internapoli)

“Mi hanno urlato di mettermi in ginocchio“, “Eravamo terrorizzati e paralizzati dalla paura“, “Urlavano che non avrebbero toccati i bambini“ Le testimonianze della rapina in pizzeria a Casavatore. Rubati cellulari, orologi e una catenina, sono poi scappati via in scooter. (Voce di Napoli)

Il retroscena della rapina in pizzeria a Casavatore. Infatti, i banditi non avrebbero toccato l’incasso del locale ma rubato solo cellulari, orologi e catenine d’oro. (Voce di Napoli)

Rapina al ristorante di Casavatore, le indagini. Sul caso – come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino – indagano i carabinieri del comando provinciale di Napoli, con i colleghi della compagnia di Casoria diretta dal maggiore Diego Miggiano e della caserma di Casavatore diretta dal luogotenente Rosario Tardocchi. (L'Occhio di Napoli)

Ad affermarlo è il segretario generale del S.PP. Purtroppo il carcere se per i boss, in troppi casi, è un hotel a cinque stelle, per i criminali comuni e balordi è sempre un ostello di parcheggio”. (ILMONITO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr