Vaccini bluff, l'infermiere confessa «Sono pentito, ho ricevuto pressioni Gli organizzatori sono altri»

Vaccini bluff, l'infermiere confessa «Sono pentito, ho ricevuto pressioni Gli organizzatori sono altri»
Cronache Maceratesi INTERNO

L'indagine coinvolge 19 persone del Maceratese. 13 Gennaio 2022 - Ore 15:22 - caricamento letture. di Federica Serfilippi. «Sono pentito, mi rendo conto dei miei errori.

Vaccini bluff, l’infermiere confessa. «Sono pentito, ho ricevuto pressioni. Gli organizzatori sono altri». MAXI INCHIESTA - Emanuele Luchetti nel corso dell'interrogatorio di garanzia ha detto di essere solo un anello della catena. (Cronache Maceratesi)

Ne parlano anche altri giornali

Secondo l’accusa, arrivavano persone ‘no vax’ da varie regioni italiane (Abruzzo, Puglia, Emilia Romagna, Veneto, Lombardia) per ‘non farsi vaccinare’ dall’infermiere e ottenere ugualmente il Green pass. (Nurse Times)

La Polizia di Stato fin dalle prime ore della mattina sta eseguendo in numerose province 50 ordinanze di custodia cautelare per reati connessi all'indebito rilascio del Green Pass. Ai domiciliari quattro soggetti ritenuti intermediari nel rilascio indebito del Green pass. (La Repubblica)

È un fotogramma estrapolato una telecamera che gli agenti della Squadra Mobile di Ancona avevano installato nel corso delle indagini che hanno portato all’arresto di cinquanta persone per un giro di green pass indebitamente rilasciati. (Corriere della Sera)

Frodi vaccini anti Covid, operazioni della Polizia nell'anconetano

Un meccanismo che, secondo la legale, avrebbe completamente stravolto la sua personalità. Come previsto, si è svolto puntuale questa mattina alle 9,30 l'interrrogatorio di garanzia di Emanuele Luchetti, l'infermiere vaccinatore dell'hub Paolinelli, accusato di peculato, corruzione, falso ideologico e istigazione alla corruzione. (AnconaToday)

L’indagine della Squadra mobile di Ancona che ha interessato diverse province, ha consentito di scoprire un sistema corruttivo che consentiva, a chi non voleva vaccinarsi, di ottenere comunque il rilascio dell’attestazione. (Zerottouno News)

Sono state, inoltre, eseguite ventiquattro perquisizioni personali e locali ed è stato disposto il sequestro preventivo del profitto dei reati contestati, fino a concorrenza dell’importo di 18.000 euro. (Marche Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr