Covid, Gran Bretagna: il piano della riapertura in 4 tappe

Covid, Gran Bretagna: il piano della riapertura in 4 tappe
Altri dettagli:
Corriere della Sera INTERNO

La terza tappa, il 17 maggio, prevede la ripresa completa della ristorazione, con un limite di gruppi di sei persone, oltre alla riapertura di cinema e teatri

La prima data importante è l’8 marzo, quando ripartiranno le scuole, seguita dal 29 marzo, quando sarà di nuovo consentito incontrarsi all’aperto, inclusi nei giardini di casa, e sarà abolita la raccomandazione di «stare a casa».

Il programma di riapertura è scandito su quattro tappe, che grosso modo corrispondono ai mesi fra marzo e giugno. (Corriere della Sera)

Su altri media

Una cosa è certa però: per Johnson i passaporti vaccinali sono indispensabili per i viaggi internazionali. Almeno in questo caso, i passaporti vaccinali tra Uk, Ue e Usa sembrano già una imminente realtà (La Repubblica)

Lo slancio vaccinale del Regno Unito potrebbe dare un primo stimolo all’economia del turismo Il Regno Unito, spinto da vaccinazioni e riaperture, potrebbe diventare la nuova attrazione degli investitori. (Money.it)

Con il vaccino AstraZeneca il Regno Unito è partito il 4 gennaio. Gran parte del Regno Unito è in lockdown (Corriere della Sera)

Regno Unito, dopo Brexit è tempo di “Lockexit”

Dal 17 maggio, invece, è previsto un ulteriore allentamento, incluso il parziale via libera a pub e ristoranti indoor. Le quattro tappe nel dettaglio. . Come detto, il programma di riapertura del Paese, è scandito su quattro tappe. (Sky Tg24 )

Dall''8 marzo . Cosa rischiano i viaggiatori violando le norme Covid in Europa . si può andare ma bisogna registrarsi Viaggi di lavoro in Europa, le regole Paese per Paese Viaggi intercontinentali nel 2021: cosa dicono gli esperti Cipro riapre i confini ai turisti internazionali . (Zazoom Blog)

OLANDA, LA NUOVA REGINA – Intanto, dopo il sorpasso della borsa di Amsterdam sulla City, i Paesi Bassi sono in pole position per raccogliere il testimone del Regno Unito anche come meta preferita dagli studenti stranieri, in particolare quelli europei, costretti ora a chiedere il visto per studiare in Gran Bretagna e a pagare una retta universitaria più alta Indicate inoltre quattro condizioni sul contenimento della pandemia e della varianti che andranno verificate prima di ogni tappa affinché “i cambiamenti siano irreversibili”. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr