LA PASQUETTA DEI RUVESI IN PIAZZA DANTE E ALLE GIOSTRINE, UN UTENTE: "ALLIBITO, MA LE ORDINANZE?"

LA PASQUETTA DEI RUVESI IN PIAZZA DANTE E ALLE GIOSTRINE, UN UTENTE: ALLIBITO, MA LE ORDINANZE?
ruvochannel.com INTERNO

La Pasquetta andava vissuta in casa e non per strada: difficile da comprendere?”

Pasqua e Pasquetta dei ruvesi è vissuta tra le ultime pessime notizie di decessi, tre per covid negli ultimi tre giorni, di ricovero di altre quattro persone ruvesi e di una variante inglese che galoppa prepotentemente.

Ho lavorato anche il giorno di Pasquetta e per questo motivo mentre ero su strada sono passato da Piazza Dante e sono rimasto allibito. (ruvochannel.com)

La notizia riportata su altri media

Stavano festeggiando la Pasqua in una casa di Pescara nella zona dei Colli in via del Santuario ma qualche vicino, notando una trentina di persone, ha deciso di chiamare le forze dell'ordine. Più di 30: dodici adulti e una ventina tra bambini e adolescenti. (IlPescara)

D'altronde senza certezza sui quantitativi di vaccini a disposizione, nuovi centri vaccinali rischiano di essere un'implementazione inutile Un problema che emerge non appena si alza l'asticella delle persone da vaccinare. (notiziediprato.it)

Sono state 7.600 le persone vaccinate il giorno di Pasqua in Lombardia nei 27 centri attivi sul territorio. Domenica sono stati 111 i medici, 204 gli infermieri e 176 i volontari impegnati nelle somministrazioni. (La Repubblica)

Covid, quasi diecimila controlli delle forze dell'ordine tra Pasqua e Pasquetta

I poliziotti, giunti sul posto, hanno sorpreso 10 giovani, non appartenenti allo stesso nucleo familiare, intenti a festeggiare la pasquetta e li hanno sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19. (NapoliToday)

Hanno sventato pure il rehab party: sette parenti in un cortile per dare il bentornato a un familiare appena negativizzato. È l’ultimo non sono stato io, non sono razzista, non sto negando il Covid solo perché sto con altri dieci (o venti), senza mascherina, a fingere che tutto sia normale. (La Stampa)

Una persona è stata denunciata il giorno di Pasqua per epidemia colposa per aver violato l'isolamento obbligatorio nonostante fosse positiva al Covid. Negli stessi tre giorni sono state controllate 312 attività e per dieci titolari sono scattate le sanzioni (SanteramoLive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr