Costa Concordia, Kevin Rebello torna al Giglio: 'Mio fratello è morto per salvare i passeggeri'

Costa Concordia, Kevin Rebello torna al Giglio: 'Mio fratello è morto per salvare i passeggeri'
Altri dettagli:
Repubblica TV INTERNO

Suo fratello Russel lavorava da 5 anni come cameriere e perse la vita nel tentativo di aiutare le persone a lasciare la nave: "Sto tornando sull'isola per la prima volta da quasi 9 anni.

L'ultima volta la nave era ancora qui, la stavano raddrizzano.

12 gennaio 2022 Link Embed. https://video.repubblica.it/cronaca/costa-concordia-kevin-rebello-torna-al-giglio-mio-fratello-e-morto-per-salvare-i-passeggeri/405697/406407 Copia (Repubblica TV)

Su altri media

De Falco la signore Serra non l’ha mai conosciuta, le ha soltanto parlato per telefono quella sera. Un allarme anomalo, secondo de Falco, perché le notizie arrivano poco alla volta e imprecise. (Sky Tg24 )

Firenze, 13 gennaio 2022 - Esattamente dieci anni fa, alle 21.45 di venerdì 13 gennaio 2012, la nave da crociera Costa Concordia urtò gli scogli de Le Scole davanti all’Isola del Giglio, in provincia di Grosseto. (LA NAZIONE)

«Nei miei soggiorni sull’isola ho sempre sperato che fosse ritrovato mio fratello, lo volevo finalmente riportare a casa - ricorda Kevin -. a passato ore interminabili sugli scogli di Giglio Porto a guardare quel relitto enorme della Costa Concordia che il 13 gennaio 2012 aveva inghiottito suo fratello Russel, 33 anni e membro dell’equipaggio. (IlGiunco.net)

Costa Concordia, il naufragio visto dall'elicottero e dai fondali - Il Sole 24 ORE

La nave si capovolse e affondò in acque poco profonde, con oltre quattromila persone a bordo. Mentre una drammatica missione di salvataggio salvò migliaia di vite, 32 persone morirono in uno dei più grandi disastri marittimi dai tempi del Titanic. (Ansa)

"Costa Concordia: Cronaca di un disastro" è una produzione italo-tedesca di Zeitsprung Produktion con Rai Documentari e Sky Studios, scritto da Mariangela Barbanente e Michael Müller, diretto da Michael Müller Una notte tragica, densa di emozioni, che ha cambiato la vita di chi era a bordo e la storia della navigazione turistica. (Guida TV)

Imponente l’opera di soccorso a cui hanno partecipato i Vigili del fuoco, sia nell’immediatezza dell’evento che nelle fasi successive, anche con unità navali, elicotteri, personale sommozzatore, speleosub e specialisti in tecniche di soccorso Saf. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr