Bitcoin: la paura dell'inflazione fa salire il prezzo

Il Bitcoin ECONOMIA

L’approvazione di un nuovo piano di stimoli da quasi duemila miliardi di dollari, da parte del Senato degli Stati Uniti d’America, ha risvegliato le paure di inflazione, incrementando la pressione di acquisto su bitcoin.

Così il prezzo di BTC da ieri è risalito, proprio perchè chi sta acquistando ora si aspetta un ulteriore aumento, dovuto probabilmente ad una perdita di potere di acquisto del dollaro americano nei prossimi mesi. (Il Bitcoin)

Ne parlano anche altri media

Infatti, gli utenti possono finanziare e prelevare saldi del conto usando asset digitali. Un brokeraggio completamente regolamentato con più di 100.000 utenti a livello globale ha introdotto un modo innovativo per accogliere nuovi clienti sulla sua piattaforma. (Cointelegraph Italia)

Criptovalute - Occasioni short su BITCOIN. Come abbiamo visto la settimana scorsa, la criptovaluta per eccellenza sta facendo fatica a superare la soglia dei 52.000$. Ci aspettiamo uno storno dei prezzi, con obiettivo primario 45.000$, da li valuteremo nuove posizioni rialziste. (Investire.biz)

Gli investitori stanno accumulando BTC, spostandoli dagli exchange verso il cold storage, facendo così contrarre l'offerta disponibile:. La crescente popolarità degli exchange decentralizzati e degli yield protocol DeFi potrebbe aver contribuito alla riduzione dell'offerta di BTC sulle piattaforme centralizzate. (Cointelegraph Italia)

Per questo il sentiment di mercato su Cardano continua ad essere molto positivo e in molti scelgono di prendere posizioni long, nonostante un fine settimana non entusiasmante. Cardano, che pur era stato il network con il più alto tasso di crescita delle ultime due settimane, nel weekend ha performato in modo peggiore rispetto ad Ethereum e Bitcoin (Criptovaluta.it)

CryptoWendyO e Cheds, due tra i più importanti trader di criptovalute, si sono esposti su Twitter in relazione all’andamento oscillante di Bitcoin delle ultime settimane. CryptoWendyO: continua l’incertezza per Bitcoin. (I-Dome.com)

Il 34% dei clienti sentiti da Goldman Sachs ritiene che l’ostacolo maggiore nell’allocazione di denaro alle risorse digitali sia la regolamentazione. Il 57% del campione sentito da Goldman Sachs ritiene che a spingere in alto le quotazioni siano state le notizie positive arrivate dagli investitori istituzionali. (Wall Street Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr