Creval: in assemblea Credit Agricole Italia vota contro il bilancio - Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

A Credit Agricole Italia faceva capo circa il 20,5% del capitale presente in assemblea, che ha visto la partecipazione del 60,124% del capitale e ha approvato il bilancio con il voto favorevole del 66,2% delle azioni presenti.

Creval: in assemblea Credit Agricole Italia vota contro il bilancio. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 19 apr - Credit Agricole Italia ha votato contro il bilancio 2020 del Credito Valtellinese nel corso dell'assemblea degli azionisti. (Il Sole 24 ORE)

Su altre fonti

“Avremmo potuto attendere con serenità – ha concluso l’assessore Foroni – l’esito della Corte Costituzionale, che non ci spaventa in alcun modo, consci della solida base giuridica a sostegno della piena legittimità della formulazione dell’articolo 40 bis vigente Ora la proposta passerà al vaglio del Consiglio regionale per l’approvazione. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Conseguentemente, l’assemblea ha proceduto alla nomina del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2021-2023, sulla base delle liste presentate dai soci. Tra le decisioni assunte l’approvazione del bilancio 2020 con la distribuzione di un dividendo e la bocciatura della proposta avanzata dall’azionista Crédit Agricole di rimandare la nomina del nuovo CdA a dopo la chiusura del periodo dell’Opa, prevista per mercoledì 21 aprile. (Prima la Valtellina)

Credit Agricole. Credito Valtellinese. (Teleborsa) - Nell'ambito dell'Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) volontaria totalitaria promossa dasulle azionirisulta che oggi, 19 aprile 2021, sono state presentate 759.593 richieste di adesioni, che portano complessivamente a 11.831.056 richieste di adesioni, pari alL'offerta, iniziata il 30 marzo 2021,. (Teleborsa)

L'assemblea degli azionisti del Credito Valtellinese (segui il titolo in diretta) ha respinto la proposta presentata da Credit Agricole Italia di rinviare l'elezione del nuovo cda, con il voto del 64,2% del capitale presente (38,6% del capitale sociale complessivo). (la Repubblica)

La struttura dell’offerta “pare quindi inidonea a consentire, in sede di adesione, una valutazione certa dell’ammontare complessivo offerto da parte degli azionisti, ai quali non è riservata una simmetrica facoltà di condizionare l’adesione al pagamento di tale corrispettivo addizionale”, conclude Creval (IL GIORNO)

I soci hanno quindi proceduto a rinnovare il board: la lista di maggioranza presentata dalla Dgfd di Denis Dumont, che comprende l'a.d. Luigi Lovaglio, ha ottenuto il voto del 42% del capitale presente (25,2% del capitale sociale), mentre la compagine di minoranza proposta da Assogestioni ha ricevuto l'appoggio del 30,3% del capitale presente (18,2% del capitale sociale). (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr