Gianluigi Abbracciavento, trovata l'auto del 28enne scomparso a Vicenza. L'ultimo video sui social: «Mi sono c

ilmattino.it INTERNO

La scomparsa. A denunciare la scomparsa del giovane è stato il suo datore di lavoro, titolare della pasticceria.

Oggi la sua auto è stata ritrovata vicino a Ponte di Brenta (Padova) con gli sportelli aperti e all'interno il cellulare.

Non ci sono tracce di Sasha Gianluigi Abbracciavento, il 28enne pasticcere a Vicenza di origini piemontesi scomparso da sabato 21 maggio.

Le ricerche, coordinate dalla Questura di Padova continuano lungo il fiume. (ilmattino.it)

Su altre fonti

PRANZO ORE 13.00 – Alle ore 13.00 il pranzo con abbinamento di diversi oli extravergini sardi e vini della Guida Slow Wine con i piatti dell’Agriturismo Il Giglio. Slow food – A Massama la presentazione della Guida agli Extravergini 2022 e premiazione delle aziende produttrici di olio. (Sardegna Reporter)

Il Settimanale 2022 2 – Spettatori della guerra con l’anima bersagliata dai sensi di colpa. “Avevo l’impressione che la nostra vita sarebbe cambiata per sempre e che quel conflitto si sarebbe esteso nel resto d’Europa”: sono le considerazioni di Simone, 24 anni. (Giampiero Gramaglia – Gp News)

È quello che abbiamo provato a chiederci noi studenti del corso di laurea magistrale di Editoria e Scrittura della Sapienza di Roma. Aumento dei prezzi, caro bollette, impossibilità di viaggi e spostamenti sono, infatti, solo un lato della medaglia. (Giampiero Gramaglia – Gp News)

La polizia in queste ore sta svolgendo una serie di accertamenti sui movimenti bancari di Gianluigi Abbracciavento, il pasticciere di 28 anni di origini piemontesi, residente a Vicenza, sparito nel nulla nella notte tra sabato 21 e domenica 22 maggio. (Il Mattino di Padova)

Sasha Abbracciavento scomparso a Vicenza, nella stanza i libri di Scientology e il biglietto: “Perdono” Sasha Abbracciavento è scomparso circa 5 giorni fa a Vicenza. I poliziotti della questura di Vicenza invece si sono presentati nella struttura alberghiera nella quale Abbracciavento viveva per un'ispezione della stanza (Fanpage.it)

Da quando è iniziata la guerra non abbiamo più avuto l’opportunità di lavorare su film russi. Questa è la testimonianza di Gianluigi Spadoni, fonico di un’azienda cinematografica, uno tra i tanti italiani che sta subendo i contraccolpi di questa guerra. (Giampiero Gramaglia – Gp News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr