Premio Nassiriya, messa in ricordo dell'ambasciatore italiano ucciso in Congo

Premio Nassiriya, messa in ricordo dell'ambasciatore italiano ucciso in Congo
Altri dettagli:
Giornale del Cilento INTERNO

Siamo vicinissimi alla sua famiglia»

«Non solo era mio amico ma un amico del territorio.

– – commenta nell’immediato Vincenzo Rubano, presidente dell’associazione Elaia – Sarebbe tornato a giugno.

Lunedi sera a Licusati sarà celebrata una messa in memoria dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio, morto tragicamente questa mattina a seguito di un attentato.

L’ambasciatore e sua moglie, lo scorso mese di ottobre, avevano ritirato il Premio Internazionale Nassiriya per la Pace a Licusati. (Giornale del Cilento)

Ne parlano anche altre testate

Come riporta il nostro giornale partner quotidiano.net, si era laureato nel 2001 alla Bocconi in economia aziendale, il diplomatico era capo missione a Kinshasa dal 5 settembre 2017. Luca Aattanasio, 43 anni, sposato e con tre figlie piccole, nato a Saronno (Varese) il 23 maggio 1977 e cresciuto a Limbiate, è l’ambasciatore italiano ucciso oggi in Congo assieme ad un carabiniere nel corso di un attacco, è uno degli ambasciatori più giovani del nostro Paese. (Casteddu Online)

È anche vero che ogni giorno avvengono fatti tragici e massacri nel Nord Kivu”. Congo: padre Trasparano (missionario), “qui i massacri sono all’ordine del giorno”. “Quella è una strada infida, non so come sia stato possibile che l’ambasciatore non viaggiasse su un mezzo blindato. (Toscanaoggi.it)

Come riporta il nostro giornale partner Quotidiano.net era in servizio presso l’ambasciata italiana del Congo dal settembre 2020 ed era effettivo al Battaglione Gorizia dal 2016. Vittorio Iacovacci, 31 anni il prossimo mese di marzo, il carabiniere italiano ucciso oggi nell’attacco in Congo insieme all’ambasciatore Luca Attanasio. (Casteddu Online)

"L’ambasciatore Attanasio al nostro centro didattico"

L’ultimo incontro quando era tornato a Limbiate qualche mese fa Sono stato da lui in Congo dopo la sua nomina ad ambasciatore e mi aveva accompagnato a conoscere i missionari che operano laggiù. (Il Giorno)

Una missione di vita. Sposato Zakia Seddiki, presidente e fondatrice della ong Mama Sofia (di cui Attanasio era presidente onorario) che si occupa di situazioni di grave difficoltà nella Repubblica Democratica del Congo (Gazzetta del Sud)

«Nel 2019 l’ambasciatore italiano, accompagnato dalla moglie Zakia Seddly, presidente dell’associazione Mamasofia, una realtà che si occupa della lotta per l’emancipazione femminile in Africa e combatte ogni discriminazione – racconta commosso il presidente Fagioli – aveva voluto onorare Culturidea e A. (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr