La Fed alla sfida di contrastare l'inflazione a quasi tutti i costi Da FinanciaLounge

Investing.com Italia ECONOMIA

Reuters. La Fed alla sfida di contrastare l’inflazione a quasi tutti i costi GASI -2,50% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio Generali (BIT: ) Investments, in un commento del Senior Economist di Paolo Zanghieri, sottolinea i rischi per la crescita di una politica monetaria restrittiva a lungo: Powell vuol evitare un impatto troppo duro sul lavoro Oltre al previsto aumento di 75 punti, la Fed si è mostrata determinata a inasprire le condizioni monetarie a un ritmo ancora più rapido e prevede di mantenere i tassi a un livello restrittivo più a lungo. (Investing.com Italia)

Ne parlano anche altre testate

Wall Street paga ancora lotta Fed contro inflazione. Tassi Usa: ecco di quanto saranno alzati ancora. I tagli si allontano Wall Street in ribasso, all’indomani dell’ennesimo maxi rialzo dei tassi da parte della Fed di Jerome Powell, pari a +75 punti base per la terza volta consecutiva. (Finanza.com)

GS -3,50% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio Esiste una stretta relazione tra le decisioni della Fed sui tassi d’interesse e i movimenti di Wall Street. (Investing.com Italia)

Ma non è sicuro che sarà proprio il terzo aumento di 75 punti base, dopo quelli di giugno e luglio, misura sulla quale per altro converge il consenso della maggioranza degli analisti. Una minoranza non risicata, intorno al 20-25%, come del resto indicano anche i future sui Fed Fund, punta sull’aumento falco da 100 punti base, di fronte a un’inflazione che non sta scendendo come auspicato. (Corriere della Sera)

La decisione della Fed, mercoledì, di alzare i tassi dello 0,75% per la terza volta portando il costo del denaro ai livelli del terribile 2008, anno di scoppio della crisi finanziaria, fa cadere l'Asia oggi, giovedì 22 settembre. (Milano Finanza)

Pubblicità Il Presidente della Fed, Jerome Powell ammette la possibilità di ulteriori rialzi da ora fino ad inizio 2023, per portare i futuri tassi di interesse oltre il 4%. (la VOCE del TRENTINO)

Il dollaro si è rafforzato durante la seduta asiatica con la prospettiva di ulteriori rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Le valute dell'Asia, al di fuori del Giappone, sono destinate a subire pressioni oggi, visto l'atteggiamento falco della Fed, puntualizzano gli esperti. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr