Canone Rai, allo Stato non basta più: pronta la tassa su cellulari e tablet

Vesuvius.it ECONOMIA

In particolare, il pagamento del canone Rai su cellulari e strumenti mobili si giustificherebbe mediante l’utilizzo da parte degli utenti dell’app RaiPlay, il servizio online dedicato della tv pubblica

Alla Commissione di vigilanza, infatti, il dirigente della TV di Stato ha proposto di far pagare il canone anche per smartphone e tablet.

Il nuovo amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, ha portato avanti una proposta che fa infuriare gli italiani. (Vesuvius.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Canone RAI smartphone: sarà familiare o personale? Tale principio dovrebbe essere mantenuto anche laddove dovesse essere istituito in canone RAI smartphone e tablet. (InvestireOggi.it)

Al momento l’impegno del governo Draghi ad eliminare l’imposta dalla bolletta dell’energia elettrica resta fermo. Il canone Rai resta uno dei tributi meno amati dagli italiani. Al momento, quindi, non c’è traccia su un provvedimento diretto a staccare il canone Rai dalla bolletta dell’energia elettrica. (Consumatore.com)

Mentre il figlio (che fa ancora parte di quel nucleo familiare) lo sia della casa al mare, o seconda casa La questione della seconda casa. È bene chiarire subito che il Canone Rai è una tassa dovuta una sola volta per nucleo familiare. (Informazione Oggi)

Tra le esenzioni, se la TV ha funzione aggregativa il canone RAI potrebbe non essere dovuto. Se la TV ha funzione aggregativa il canone RAI potrebbe non essere dovuto. (InvestireOggi.it)

Ma anche per il Canone Rai c’è la possibilità di richiedere l’esenzione. Il Canone Rai è un’imposta che c’è da quando esiste il servizio radiotelevisivo italiano. (Consumatore.com)

Canone Rai sui dispositivi mobili: reazioni all’ipotesi. Il problema sarebbe da ricercare nelle entrate della televisione pubblica italiana. Eppure il Canone Rai viene pagato senza obiettare, perché di rinunciare ai servizi televisivi. (ContoCorrenteOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr