S&P, l’agenda di riforme non avrà un impatto immediato sul rating

S&P, l’agenda di riforme non avrà un impatto immediato sul rating
La Nuova Venezia ECONOMIA

Nel suo odierno bollettino S&P Global Ratings ha analizzato il percorso che il nostro Paese ha di fronte a sé precisando che l’ambiziosa agenda di riforme in cantiere non avrà un immediato impatto sulla sua visione della qualità del credito dell'Italia (BBB/Stable/A-2).

Ci si aspetta che il nuovo governo, che rappresenta quasi il 90% dei seggi parlamentari, una maggioranza più ampia di qualsiasi altro governo del dopoguerra, possa riformare l'economia italiana, il quadro fiscale e il sistema giudiziario». (La Nuova Venezia)

Ne parlano anche altre testate

La crescita economica in arrivo dopo il picco della crisi potrebbe stabilizzare il debito pubblico italiano. La previsione-augurio è contenuta in un rapporto dell'agenzia di credito Standard & Poor's, la prima ad esprimere un parere sull'andamento del nostro paese dopo la formazione del governo Draghi. (Il Gazzettino)

Utilizzando il presente sito web, Lei acconsente al trattamento dei Suoi dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati. Tipologie di Cookie utilizzati dal Sito. Cookie Tecnici (obbligatori). (Requadro)

vince la Prada Cup battendo Team Ineos UK per 7-1 Italia in finale della 36a America’s Cup… - trixxinus : canon? Bene il piano di riforme del governo Draghi ma per ora senza effetti sul rating” (Di lunedì 22 febbraio 2021) “Prevediamo una ripresa della Crescita economia dell’Italia al 5,3% nel 2021, sulla base di una normalizzazione della situazione sanitaria e del mantenimento dello stimolo di bilancio e monetario”. (Zazoom Blog)

S&P prevede -0,5% prezzi case in Italia e fernata eurozona in 2021

«Prevediamo una ripresa della crescita economia dell’Italia al 5,3% nel 2021, sulla base di una normalizzazione della situazione sanitaria e del mantenimento dello stimolo di bilancio e monetario». S&P stima una crescita del Pil dell’Italia del 5,3% nel 2021, dopo il -8,8% del 2020 (Notizie - MSN Italia)

Ma attenzione, S&P ha ricordato anche che l’Italia offre garanzie pubbliche per le aziende dal valore del 2,5% del PIL. L’Italia può crescere del 5,3% nel 2021, con un rimbalzo importante della produzione: la stima è di Standard & Poor’s in un report sul Belpaese. (Money.it)

E’ lo scenario previsionale di S&P, in uno studio sulle dinamiche della domanda immobiliare a seguito della crisi pandemica. In Italia, invece, S&P, rilelaborando dati Ocse, prevede un meno 0,5% nel 2021, un più 0,5% nel 2022 e un più 1% nel 2023 (askanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr