Roma, la protesta dei vigili del fuoco: «Siamo pochi e ora ci tolgono pure la mensa»

Roma, la protesta dei vigili del fuoco: «Siamo pochi e ora ci tolgono pure la mensa»
Più informazioni:
ilmessaggero.it INTERNO

Dal 1 maggio per i pompieri capitolini non sarà più attivo nemmeno il servizio mensa.

“Al comando provinciale dei vigili del fuoco di Roma ci ritroviamo in grave carenza di personale operativo e di automezzi di soccorso, con un numero di gran lunga insufficiente a coprire l’intero vasto territorio della capitale.

A dichiararlo è Angelo Mogavero, il segretario provinciale del sindacato Conapo.

“Gli stessi problemi in quanto a organici, automezzi e servizio mensa sono presenti anche negli altri comandi” fa sapere Rossano Riglioni, segretario Conapo per il Lazio (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altre testate

I pompieri, in pratica, nella giornata di servizio (turni dalle 8 alle 20 o dalle 20 alle 8) dovranno rinunciare al regolare servizio mensa e consumare il loro buono pasto in un esercizio pubblico. Il diritto alla mensa “è inalienabile”. (TerzoBinario.it)

Cambio al vertice degli Amici Vigili del fuoco. L’ex pompiere e caposquadra è stato alla guida dell’importante e ben radicato sodalizio, dal 2005 (anno della fondazione di cui è stato tra gli artefici) fino al 2021. (Prima Brescia)

Nell’intercapedine c’era un accumulo di rifiuti che sono stati verosimilmente innescati accidentalmente. Il principio d’incendio si è verificato in una caditoia/intercapedine del piano sottostrada dell’edificio, nella cui parte superiore ci sono delle griglie di aerazione in corrispondenza del marciapiede. (NewSicilia)

Vigili del fuoco, l’ironia di Marcello: «Buon appetito a tutti. Da casa»

«Dichiariamo lo stato di agitazione - affermano le sigle - e facciamo appello all'intervento dei parlamentari del Lazio per mettere fine a questa assurda scelta e ridare alle lavoratrici e ai lavoratori dei Vigili del fuoco la loro prevista mensa» (ciociariaoggi.it)

La situazione vede da un lato il ridimensionamento delle mense, con gravi ripercussioni anche sul personale in appalto, e dall’altro il ritardo nell’erogazione dei ticket “il rischio è che per almeno un mese i vigili del fuoco operanti tra Genova e Tigullio debbano coprire di tasca loro le pause pranzo e cena”. (Primocanale)

«Buon appetito a tutti e un ringraziamento al direttore generale e al comandante» (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr