Addio all’infermiera, l’ospedale Poma era la sua casa

Addio all’infermiera, l’ospedale Poma era la sua casa
Altri dettagli:
La Gazzetta di Mantova ECONOMIA

Fino alla settimana scorsa era rimasta a casa, assistita dalle sue colleghe del 118, poi era stato necessario il ricovero alle cure palliative.

Il Poma era la sua casa, e gli infermieri del 118 la sua famiglia.

È un dolore sconfinato per tutti, oggi, la notizia della morte di Ombretta Ninetto, infermiera dell’ospedale prima e del 118 poi.

Ombretta viveva sola nella casa di Porto con cui aveva abitato con la madre, che si è spenta qualche anno fa. (La Gazzetta di Mantova)

Ne parlano anche altri giornali

Un posto bellissimo il tratto di Mincio dei mulini di Volta Mantovana, un km dopo Pozzolo, si è riempito di musica e di bella gioventù ieri per “Un fiume di note” organizzato dal liceo musicale Isabella d’Este. (La Gazzetta di Mantova)

Va ribadito in maniera netta che tutte le formazioni che si rifanno a fascismo e nazismo vanno sciolte subito». Infine, un appello alla politica «perché intervenga nei confronti delle formazioni politiche neo fasciste che non devono essere più presenti» (La Gazzetta di Mantova)

Con il passare dei minuti la velocità si fa sempre più sostenuta, si toccano i 150 all’ora. Sono da poco passate le 17.45 quando a Monzambano una pattuglia della polizia intercomunale coordinata dal comandante Emanuele Feudatari nota una vecchia Renault Megane: l’auto risulta non revisionata e gli agenti tentano di fermarla. (La Gazzetta di Mantova)

Al lavoro solo con il green pass: ecco che cosa cambia dal 15 ottobre

«Mentre nelle Giornate di primavera ci si concentra maggiormente sulla città in autunno la scelta si allarga al territorio provinciale – dice Alessandro Cattelani, delegato del Fai per Mantova -. A Mantova, i volontari della Delegazione Fai apriranno anche l’Antica Edicola dei Giornali di piazza Canossa, unico bene Fai del territorio dal 1992 (La Gazzetta di Mantova)

L’ambiguità della propaganda ha costi sociali, ricadute sull’ordine pubblico e alimenta l’infernale Sprachmischung (miscuglio di lingue) esondato a Roma e a Milano sabato sera. Salvini, 9 ottobre Allungare la durata minima del green pass da 48 a 72 ore è possibile, anzi doveroso e previsto dall’Europa. (La Gazzetta di Mantova)

Il conto alla rovescia dice meno quattro giorni all’obbligo di green pass per accedere ai luoghi di lavoro, così come stabilito dal decreto legge 127 del 21 settembre. Per i datori di lavoro che non controllano la sanzione va da 400 a mille euro. (La Gazzetta di Mantova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr