Ospedale di Spoleto, già operativo il gruppo di 5 specialisti proveniente dalla Lombardia

Ospedale di Spoleto, già operativo il gruppo di 5 specialisti proveniente dalla Lombardia
TuttOggi SALUTE

Il contigente di sanitari provenienti dalla Lombardia supporterà il lavoro dei professionisti umbri nella gestione dei pazienti positivi alla Sars CoV-2.

E’ già operativo da questa mattina, 22 febbraio, nei reparti Covid dell’ospedale “San Matteo degli Infermi”, il contigente di sanitari provenienti dalla Lombardia che supporterà il lavoro dei professionisti umbri nella gestione dei pazienti positivi alla Sars CoV-2. (TuttOggi)

Su altre testate

Nei giorni scorsi sono state riscontrate diverse violazioni, soprattutto in orario notturno, che hanno comportato la contestazione di 10 sanzioni amministrative. (TuttOggi)

Sono certo che il loro impegno, che deriva dall'esperienza maturata sul campo in fatto di gestione dell'evento pandemico, assistenza e cura dei pazienti Covid-19, assicurerà un prezioso contributo alla collettività e ai sanitari del "San Matteo degli Infermi" in questa fase particolarmente critica" "I professionisti lombardi - spiega il direttore generale Massimo De Fino - hanno accolto con grande generosità la richiesta di aiuto provenente dalla nostra regione. (PerugiaToday)

Umbria, il direttore della sanità regionale: "Qui le varianti hanno sostituito il Sars-Cov2". Nessun dubbio, nonostante l'alto rischio, come racconta l'infermiera intervistata dal Tg1. A Spoleto 2 rianimatori, un medico pneumologo e due infermieri (Corriere dell'Umbria)

Coronavirus, il bollettino di Spoleto del 20 febbraio: nessun decesso, 10 nuovi positivi e 9 guariti

I colleghi raggiunti dalla triste notizia lo ricordano come uomo di grandi doti umane e qualità professionali che lascia un vuoto importante e un’impronta significativa nella sanità regionale Lo stimato professionista, in pensione dallo scorso mese di gennaio, è deceduto nella propria abitazione di morte improvvisa. (Umbria Journal il sito degli umbri)

Ci ha lasciato a 67 anni il dottor Giulio Tazza, primario per tanti anni della Struttura Complessa di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica dell’Ospedale “San Matteo degli Infermi” di Spoleto. Molto apprezzato e stimato nella comunità cittadina e negli ambienti scientifici, ha rappresentato un esempio di dedizione, cortesia, disponibilità per i tanti pazienti che ha assistito. (Spoleto Online)

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono 1.459 (+10 rispetto al 19 febbraio) i casi totali di positività al Covid-19 registrati a Spoleto, 1.206 (+9 rispetto al 19 febbraio) i guariti e 32 (invariato rispetto al 19 febbraio) i decessi. (PerugiaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr