Scommesse illegali internazionali: nel vasto giro coinvolto anche un locale di San Benedetto

Scommesse illegali internazionali: nel vasto giro coinvolto anche un locale di San Benedetto
Altri dettagli:
Cronache Picene INTERNO

Blitz degli uomini della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) e dei Carabinieri di Salerno che, coordinati dalla Procura della città campana, hanno scoperchiato un’organizzazione internazionale dedita a giochi e scommesse illegali.

I giochi erano raggiungibili anche attraverso slot machine e totem installati soprattutto in località del sud Italia.

Anche un locale di San Benedetto era coinvolto in questa piattaforma informatica che raccoglieva milioni di giocatori di tutto il mondo. (Cronache Picene)

Se ne è parlato anche su altre testate

Qualora i giochi fossero stati svolti in forma lecita, le entrate per l’erario sarebbero state di circa 500 milioni di euro. Sequestrati anche tre milioni di euro, ritenuto provento delle attività illecite, riconducibili a Luigi Giuseppe Cirillo, figlio del defunto boss calabrese di Sibari, e ad altre persone ritenute dagli investigatori suoi prestanome. (Telemia)

Secondo le indagini della DDA, il sodalizio criminale aveva messo in opera un complesso sistema internazionale che permetteva di riciclare il denaro sporco della camorra attraverso scommesse illegali e gioco d’azzardo, permettendo così ai clan di ‘pulire’ il denaro. (Matera News)

In due anni avrebbero incassato 5 miliardi di euro: figurano anche persone ritenute dagli inquirenti della Procura di Salerno (guidata dal procuratore Giuseppe Borrelli) legate al clan dei Casalesi tra i 33 soggetti ai quali i carabinieri hanno notificato altrettante misure cautelari nell'ambito del (Redazione Jamma)

Salerno. Giochi e scommesse illegali: giro d'affari da 5 miliardi, 33 arresti (VIDEO)

Il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, commentando la dichiarazione della direzione territoriale dell’Adm, ha ritenuto inaccettabile tale decisione. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha autorizzato la reinstallazione degli apparecchi da gioco, slot machine, anche nei bar, previa titolarità di autorizzazione rilasciata dall’Agenzia stessa. (Torino Top News)

Contestualmente sono stati messi sotto sequestro preventivo, su richiesta dell'autorità giudiziaria, anche undici siti web e due società - la Europartner e la cooperativa Iocosa Ludum, entrambe con sede legale a Mercato San Severino (Salerno) - e tre milioni di euro, ritenuto provento delle attività illecite, riconducibili a Luigi Giuseppe Cirillo, figlio del defunto boss calabrese di Sibari, e ad altre persone ritenute dagli investigatori suoi prestanome (Ansa)

Sequestrati preventivamente 11 siti internet e due società Il sodalizio avrebbe abusivamente creato una community di diversi milioni di giocatori diffusi in tutto il mondo mediante domini privi delle prescritte autorizzazioni dei Monopoli di Stato italiani. (Telecaprinews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr