Europa, cercasi chip per auto. Si profila un fine 2021 nero

ilGiornale.it ECONOMIA

La crisi dei chip, in particolare, rallenta e blocca le linee produttive, comportando ritardi nelle consegne dei nuovi veicoli.

La ripresa blanda dall'emergenza Covid-19 e soprattutto la mancanza di chip: ecco i principali fattori che incidono negativamente sulle vendite.

In Germania, fino al 2025 sono stati stanziati 5 miliardi per auto elettriche e ibride ricaricabili, camion da sostituire e colonnine

A soffrire sono tutti i big: -20,4% a luglio e -14,3% in agosto il gruppo Volkswagen, -26,2% e -29,4% Stellantis, -41,1% e -22,6% Groupe Renault (ilGiornale.it)

Se ne è parlato anche su altri media

E oltre al problema dei prezzi, cala anche la disponibilità di auto, i consumatori scelgono sempre più soluzioni già disponibili sul mercato Le conseguenze sul mercato sono tragiche, la produzione di auto nuove è bloccata o rallentata di parecchio, e questo comporta dei grandissimi ritardi nelle consegne. (Virgilio Motori)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr