Raccolta rifiuti, Alia dice addio ai sacchi rossi per i positivi al Covid

LA NAZIONE INTERNO

Nelle aree in cui la raccolta è svolta con contenitori stradali (cassonetti o postazioni interrate) il sacco andrà inserito nel contenitore Alia dedicato al rifiuto residuo non differenziabile.

Gli utenti positivi in isolamento devono quindi sospendere la raccolta differenziata e conferire i rifiuti in doppio sacco che andrà inserito nel servizio Alia dedicato ai rifiuti residui non differenziabili. (LA NAZIONE)

La notizia riportata su altri media

Dovrà anche in questo caso essere utilizzato il doppio sacchetto: sacco del multimateriale all’interno del sacco viola. In questo modo non sarà più necessario attivare il servizio dedicato, ma basterà fruire della raccolta ordinaria secondo quanto già previsto dai calendari di raccolta. (LuccaInDiretta)

2) Il conferimento dovrà avvenire utilizzando due o tre sacchetti resistenti posti l'uno dentro l’altro. Eventuali oggetti voluminosi nonputrescibili, come scatole ed altri imballi, possono essere accumulati e conferiti al termine dell’isolamento. (valdinievoleoggi.it)

Con la nuova fase acuta della pandemia cambiano anche le modalità di conferimento e raccolta rifiuti domestici da parte di Alia Servizi Ambientali per soggetti positivi in isolamento domiciliare. (La Nazione)

– Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti per i cittadini positivi al Covid. Il nuovo e semplificato sistema di raccolta è stato presentato ieri, 11 gennaio, dal presidente Giani insieme all’assessora all’ambiente Monia Monni, al presidente di Anci toscana Matteo Biffoni e al presidente di Presidente di Confservizi Cispel Toscana Nicola Perini. (La Voce Apuana)

Con la nuova ordinanza della Regione, da martedìi rifiuti delle persone positive in isolamento domiciliare non dovranno più essere messi nei sacchi rossi, né differenziati. Se prima con i sacchi rossi erano garantiti due passaggi settimanali, adesso ci sarà un unico passaggio nel giorno dell’indifferenziato (LA NAZIONE)

Il nostro obiettivo- aggiunge – è di tornare quanto prima alla raccolta differenziata, fondamentale per supportare la transizione verso un’economia di tipo circolare. Con la nuova ordinanza – aggiunge Monni- i rifiuti saranno dunque conferiti nell’indifferenziato ed esposti con le modalità tipiche di ciascun territorio. (Il Filo del Mugello)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr