Economia, Moody's taglia la stime di crescita. Pil Italia +2,3%

Milano Finanza ECONOMIA

Per Moody's le economie avanzate dovrebbero espandersi del 2,6% nel 2022, in calo rispetto alla stima precedente del +3,2%.

L'impatto dell'alta inflazione. Moody's ha abbassato anche le stime di crescita per le economie del G20 al 3,1% nel 2022, dal +3,6% indicato nell'outlook di marzo.

In questo scenario, secondo Moody's, le economie europee sono le più esposte a un eventuale peggioramento del conflitto tra Russia e Ucraina

Le pressioni sui consumi. (Milano Finanza)

Su altre fonti

Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica. Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali (Finanzaonline.com)

"E i controversi nuovi lockdown che la Cina sta imponendo da mesi contro il Covid aggiungono pressioni sulla crescita globale", ha detto ancora il capo dell'istituzione di Washington senza rilasciare cifre. (Teleborsa)

Ieri per le Borse europee è stata una seduta molto importante al di là del risultato numerico. I capitali in uscita dalla Borsa americana potrebbero in parte essere dirottati sulle Borse europee, in particolare su Piazza Affari. (Proiezioni di Borsa)

In frenata anche gli Usa, da +3,7 al +2,8% nel 2022 e dal +2,5% al +2,3% nel 2023, e limitatamente al 2022 anche la Cina, da +5,1% a +4,5%, mentre nel 2023 il Pil di Pechino viene rivisto al rialzo da +5,2 a +5,3% (Notizie - MSN Italia)

Pubblicità L'Eurozona, si legge nel nuovo Macro Global Outlook, crescerà nel 2022 del 2,3%, a fronte del 2,5% previsto due mesi fa, mentre nel 2023 è atteso un piccolo miglioramento (da +2,2 a +2,3%). (La Sicilia)

In questo scenario, secondo Moody's, le economie europee sono le più esposte a un eventuale peggioramento del conflitto tra Russia e Ucraina L'impatto dell'alta inflazione. Moody's ha abbassato anche le stime di crescita per le economie del G20 al 3,1% nel 2022, dal +3,6% indicato nell'outlook di marzo. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr