Caso Eitan, ambasciata: Israele seguirà legge e convenzioni internazionali

Caso Eitan, ambasciata: Israele seguirà legge e convenzioni internazionali
LaPresse INTERNO

Roma, 14 set.

(LaPresse) – L’Ambasciata israeliana in Italia ha riferito che le autorità israeliane che si stanno occupando del caso di Eitan seguiranno “la legge e le convenzioni internazionali pertinenti”

(LaPresse)

La notizia riportata su altre testate

Le indagini della Procura di Pavia si sono allargate da oggi anche alla nonna materna di Eitan, Etty Peleg, che sarebbe stata complice del sequestro del bambino. Il timore della famiglia affidataria è che la via giudiziaria richieda comunque troppo tempo per il rientro di Eitan, che ieri doveva iniziare la scuola elementare. (Avvenire)

(LaPresse) – “Presumiamo” che l’interrogatorio della polizia israeliana nei confronti di Shmuel Peleg sia avvenuto dopo l’istanza presentata a Tel Aviv per il rimpatrio di Eitan da parte della zia Aya Biran. (LaPresse)

Milano, 14 set. Secondo il Times of Israel, la polizia sta interrogando il nonno del bambino (LaPresse)

Caso Eitan, amb. Israele: Collaboriamo con Italia per bene del minore

Cocaina nell’auto della collega: l’ex capo dei vigili va ai agli arresti domiciliari È stato posto agli arresti domiciliari Salvatore Furci, l’ex comandante della polizia locale di Trezzano sul Naviglio. (Fanpage.it)

Istanza a Corte di Tel Aviv per rientro in Italia dal nostro inviato Paolo Berizzi. Shmuel Peleg interrogato a lungo dalla polizia israeliana sulle accuse di aver rapito e portato in Israele il nipote, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. (La Repubblica)

Le autorità israeliane stanno seguendo questo triste caso e se ne occuperanno in collaborazione con l’Italia, a beneficio del minore e in conformità con la legge e le convenzioni internazionali pertinenti”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr