Attraversa l'Italia senza Super Pass, fermato sullo Stretto

Attraversa l'Italia senza Super Pass, fermato sullo Stretto
Per saperne di più:
La Repubblica INTERNO

E per chi, come Fabio Messina, 43 anni, agente di commercio, ha scelto di non vaccinarsi, la Sicilia resta lì, a 5 miglia, 20 minuti di navigazione, irraggiungibile

All’imbarcadero dei traghetti di Villa San Giovanni, Fabio Messina si è dotato di un sacco a pelo e aspetta.

Niente Green Pass, niente traghetto.

Sperando che un giudice accolga il ricorso d’urgenza presentato dal suo legale e che gli consentano di tornare a casa sua a Palermo (La Repubblica)

La notizia riportata su altri media

La dittatura vive nella zona grigia delle sue braccia complici, nei tanti piccoli soprusi che messi insieme sono i puntini di un QR code piazzato tra il cittadino e i suoi diritti. MDM 14/01/2022. Fonte https://www. (Come Don Chisciotte)

Il 48enne era partito per Genova l'8 gennaio (un viaggio di lavoro) ma quando è tornato indietro era ormai entrato in vigore l'obbligo di green pass rafforzato per viaggiare sui mezzi di trasporto. Non potendo mostrare la carta verde non era riuscito a imbarcarsi (PalermoToday)

La sua richiesta è quella di annullare l’obbligo di super green pass per l’attraversamento dello Stretto, “una palese violazione del diritto alla libera circolazione dei cittadini”, dice De Luca. Il sindaco metropolitano di Messina Cateno De Luca ribadisce il concetto nella terza lettera inviata in pochi giorni al presidente del Consiglio Mario Draghi. (Tempo Stretto)

Fabio Messina bloccato allo Stretto perché senza Super Pass, il Tribunale lo autorizza a salire sul traghetto

Mentre Antonio Ciccone, Presidente della Federazione Metropolitana di Gioventù Nazionale di Reggio Calabria, sottolinea: “questa situazione è l’esempio lampante di quello che il nostro Partito denuncia da mesi. (StrettoWeb)

Un caso, quello dell’agente di commercio siciliano, che crea un precedente che darà ora il via alla pioggia di ricorsi per altri casi simili al suo. Messina era bloccato da lunedì scorso ed aveva dormito in un sacco a pelo prima di essere ospitato, nelle ultime due notti, da una famiglia di Villa San Giovanni (Quotidiano online)

Tante famiglie non possono uscire dalla Sicilia per interventi sanitari urgenti e tante che sono uscite dalla Sicilia non possono rientrare». Una storia finita nelle aule del tribunale, dopo il ricorso d’urgenza presentato dai legali Maura Galletta e Grazia Cutino. (Corriere del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr