Vaccini, Andrea Crisanti sulla morte della 18enne: "Come è stato possibile vaccinarla con AstraZeneca?"

Vaccini, Andrea Crisanti sulla morte della 18enne: Come è stato possibile vaccinarla con AstraZeneca?
La7 ECONOMIA

(LaPresse) - L'annuncio era arrivato una settimana fa, oggi è uscita 'We are the people', inno ufficiale degli Europei di calcio al via l'11 giugno in dodici città del Vecchio Continente, firmato da Martin Garrix insieme a Bono e The Edge degli U2.

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Ne parlano anche altri giornali

AstraZeneca ai giovani? Pertanto – rimarca lo scienziato – era una persona che, in ogni caso, non doveva ricevere il vaccino Astrazeneca. (Leggilo.org)

Poi si sapeva anche la frequenza di questa complicazione: la frequenza è 1 su 6-700mila? Oggi è atteso il verdetto del Governo sulle nuove raccomandazioni per il vaccino AstraZeneca che dovrebbe essere riservato agli over 60 escludendo perciò i più giovani. (IVG.it)

Poi è chiaro che è stato autorizzato in via sperimentale, quindi c’è stato un errore di comunicazione all’inizio. Seconda dose non AstraZeneca per gli under 60? (Liberoquotidiano.it)

AstraZeneca, Crisanti: “Questo vaccino ai 18enni, com'è stato possibile?" • Imola Oggi

Tanto che si sta pensando di destinare ai più giovani solo i vaccini a mRNA, ad open day già cominciati per i maturandi. Andrea Crisanti, professore di Microbiologia all’Università di Padova, forse per la prima volta dopo le frizioni con Luca Zaia, la pensa come lui, che non è affatto d’accordo con gli open day per la vaccinazione dei giovani. (La voce di Rovigo)

Ed io mi chiedo perché i vaccini raccomandati per gli over 60 anni siano stati distribuiti ai giovani sapendo che c'era questo rischio e soprattutto avendo a disposizione l'alternativa Pfizer. ", ha esordito Crisanti, sorpreso delle iniziative di Open Day effettuate con il siero anglo-svedese nonostante le raccomandazioni di somministrazione agli over 60. (triestecafe.it)

Per quanto riguarda la seconda dose con un vaccino diverso – sottolinea – continuo a ripetere che senza dati non si vaccina. “Adesso quindi per i ragazzi vaccinati con la prima dose AstraZeneca – rimarca – aspetterei col richiamo e li richiamerei verso ottobre-novembre. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr