Torino Centro, morta la bambina di tre anni caduta dal balcone di un palazzo

Torino Centro, morta la bambina di tre anni caduta dal balcone di un palazzo
TorinoToday INTERNO

È morta Fatima Skika, la bambina di 3 anni di nazionalità italiana caduta dal quarto piano di uno stabile a Torino Centro nella serata di ieri.

Sulla vicenda sono in corso le indagini della polizia coordinate dal pm Valentina Sellaroli della procura cittadina.

La piccola è deceduta all'ospedale Regina Margherita dove era stata portata con un gravissimo trauma cranico e un trauma toracico, oltre che con diverse fratture. (TorinoToday)

Su altri giornali

Cadendo aveva riportato un gravissimo trauma cranico, un trauma toracico e lesioni ossee multiple - TORINO, 14 GEN - E' morta la bambina di tre anni che ieri sera, a Torino, è precipitata dal quarto piano di un palazzo di via Milano. (Ansa)

E’ morta nelle prime ore di questa mattina all’ospedale Regina Margherita la bimba di 3 anni precipitata ieri sera – le dinamiche non sono ancora chiare – dal quarto piano di un edificio di via Milano. (La Stampa)

Nella caduta infatti la piccola ha riportato gravissime lesioni multiple al torace e al cranio e lesioni multiple alle ossa. La polizia, coordinata dal pm Valentina Sellaroli, hanno ascoltato la madre della piccola, 41enne italiana, oltre ovviamente al compagno di origini marocchine e a un vicino di casa. (Il Riformista)

È morta la bimba precipitata dal quarto piano di un palazzo - L'Unione Sarda.it

Sembra che al momento della caduta il compagno della donna fosse solo con la piccola La piccola Fatima, questo il nome della bimba, è morta in mattinata nell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino dove era stata ricoverata d'urgenza e nella notte sottoposta a un delicato intervento neurochirurgico. (IL GIORNO)

Ed è per questo che la madre della piccola e tutti i testimoni sono stati separati e portati in Questura per essere sentiti dagli investigatori Bloccano il compagno della madre della bimba, che nella macchina della polizia, completamente ubriaco, continua a biascicare: «Capo, capo, mia figlia è in coma, dammi una sigaretta». (La Stampa)

Su quanto accaduto sono in corso le indagini da parte della polizia. Al momento dell’incidente, ha accertato la Squadra mobile, in casa era presente il compagno della madre, che è stato ascoltato insieme alla donna e a un vicino (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr