Borse in rosso in Europa e le banche non salvano Wall Street

Notizie - MSN Italia ECONOMIA

GRANDI BANCHE E GRANDI GUADAGNI NEGLI USA. Sono usciti oggi i risultati del quarto trimestre 2021 delle grandi banche Usa, che mostrano grandi guadagni, ma non tutte vengono premiate in Borsa.

LAGARDE RIBADISCE: L’INFLAZIONE CALERA’ NEL 2022. In Europa Christine Lagarde torna sul tema e ribadisce il suo approccio prudente.

PIAZZA AFFARI IN MAGLIA NERA. In Europa Piazza Affari veste la maglia nera e registra una perdita dell’1,08% che la respinge a 27.543 punti base. (Notizie - MSN Italia)

La notizia riportata su altri media

Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -1,08% a 27.543 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento debole di Wall Street. In ordine sparso le banche fra cui Unicredit -0,8%,Intesa Sanpaolo appena sopra la parità (Finanza Report)

Negli Stati Uniti inizia la stagione delle trimestrali, oggi attesi i dati di Jp Morgan (NYSE: ), Citigroup (NYSE: ), BlackRock (NYSE: ) e Wells Fargo (NYSE: ). Al via anche la stagione delle trimestrali, con i dati di Jp Morgan, Citigroup, BlackRock e Wells Fargo. (Investing.com)

Nel settore bancario, positiva Unicredit (+0,7%) che si scrolla di dosso la negatività legata alla notizia di un’eventuale acquisizione della russa Otkritie Bank. Gli analisti di Intesa Sanpaolo scrivono nel daily che “la mossa di Caltagirone è un chiaro segnale dell’aspro scontro sulla governance di Generali che comporta incertezze per il gruppo. (FX Empire Italy)

Nel settore bancario, positiva Unicredit (+0,7%) che si scrolla di dosso la negatività legata alla notizia di un'eventuale acquisizione della russa Otkritie Bank (Reuters) - Indici in calo a Piazza Affari che risentono del ribasso dei mercati asiatici stamani e della brusca frenata del Nasdaq ieri. (Yahoo Finanza)

A Tokyo la settimana si chiude in ribasso, con l’indice Nikkei in calo dell’1,28%, a causa delle preoccupazioni per un aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. 1 ' di lettura. Avvio in rosso per i listini del Vecchio Continente, dopo il tonfo del Nasdaq. (Benzinga Italia)

Milano e' la peggiore: segna un calo dello 0,8%, con lo spread in rialzo a 138,7 punti, risentendo anche delle tensioni politiche per la nomina del Presidente della Repubblica. Il rialzo del greggio sostiene anche le azioni oil, con Eni che guadagna lo 0,7%, Tenaris l'1,19% e Saipem lo 0,35%. (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr