Lupi, Belluno ''salta'' il Trentino e lavora con Sondrio e il Piemonte per una gestione comune: ''Formuleremo una proposta da portare al ministro dell'ambiente''

Lupi, Belluno ''salta'' il Trentino e lavora con Sondrio e il Piemonte per una gestione comune: ''Formuleremo una proposta da portare al ministro dell'ambiente''
il Dolomiti ECONOMIA

Lupi, Belluno ''salta'' il Trentino e lavora con Sondrio e il Piemonte per una gestione comune: ''Formuleremo una proposta da portare al ministro dell’ambiente''. Intanto il Comune di Chies d'Alpago ha interessato la Provincia per problemi legati al lupo in paese.

La Provincia di Belluno intende lavorare con quelle di Sondrio e Verbano-Cusio-Ossola per quanto riguarda la gestione del lupo.

Informazione ai cittadini e sinergia con Sondrio e Verbania andranno avanti parallelamente", conclude De Bon

"Noi - evidenzia Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno - ci siamo affidati alla legge Delrio e quel protocollo d'intesa sulle aree interamente montane. (il Dolomiti)

Ne parlano anche altre testate

Piccoli contributi al volontariato per aiutare chi, soprattutto nelle frazioni, vuole tirarsi su le maniche per realizzare sistemazioni e manutenzioni. (Corriere Delle Alpi)

«L’incontro di domani spero serva a presentare e a discutere un progetto di area vasta e che non miri solo a risolvere i problemi di alcuni comuni, finendo poi per scaricarli su altri territori», conclude De Carlo «Mi auguro che l’incontro vada in questa direzione. (il Corriere delle Alpi)

Da loro ho quindi scelto con cura alcuni prodotti speciali».«Voglio fornire ai clienti una vera e propria esperienza», continua, «frutto di una continua ricerca iovane studentessa universitaria pontalpina si mette in gioco aprendo la nuova bottega di Soverzene. (Corriere Delle Alpi)

Virus, in provincia di Belluno l'incidenza finalmente crolla (ricordiamoci come mai e dopo quanto tempo)

Non è la prima volta che ignoti entrano nel palaghiaccio con il chiaro intento di fare danni. Il paese chiede a gran voce provvedimenti immediati mentre le autorità competenti, informate dagli uffici comunali, si guardano attorno. (Corriere Delle Alpi)

Il focolaio all’inizio ha coinvolto 9 degenti su 16 e due operatori socio sanitari non vaccinati contro il Coronavirus. Subito l’Ulss 1 Dolomiti ha provveduto a spostare tre pazienti in condizioni più critiche al San Martino, lasciando gli altri ad Auronzo. (Corriere Delle Alpi)

È il criterio seguito nel Veneto, in Italia e in Europa per la misurazione ponderata e uniforme dell’andamento dei contagi, considerando 250 come valore critico L’incidenza rapporta i nuovi casi testati di sars-cov-2 nell’arco di una settimana su 100 mila abitanti. (L'Amico del Popolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr