Covid, dai criteri alle fasce: le misure sul tavolo al vertice delle Regioni

Covid, dai criteri alle fasce: le misure sul tavolo al vertice delle Regioni
Sky Tg24 INTERNO

Sono favorevole a un sistema di maggiore duttilità per le zone di rischio delle Regioni, anche introducendo zone di dimensioni diverse da quelle delle Regioni stesse”

Ansa. Si è già espresso negativamente sull’ipotesi di misure omogenee in tutta Italia il presidente della Liguria Giovanni Toti: "Se si decide un approccio, non vedo la necessità di inasprire ulteriormente le chiusure.

Nessuno sa come si svilupperà la dinamica delle varianti. (Sky Tg24 )

La notizia riportata su altre testate

Sulla campagna vaccinale Bonaccini è esplicito: "Sta andando a rilento, non per disguidi organizzativi, per carenza di personale o indisponibilità della popolazione. Per questo è necessario che tali provvedimenti siano adottati con l’intesa del ministro della Salute (RavennaToday)

Dal presidente dell’Anci, Antonio Decaro, è arrivato, a nome dei sindaci, il suggerimento di aprire i ristoranti la sera; assodato, questo lo aggiungiamo noi, che non esistono evidenze scientifiche sulla diffusione dei contagi all’interno dei locali. (LavoroLazio.com)

“Ora però c’è l’esigenza di due incontri urgenti fra il Governo e le Regioni. Il primo a brevissimo termine sui contenuti che dovrà avere il prossimo Dpcm per il contenimento dell’emergenza Covid-19. (Panorama della Sanità)

Nuove restrizioni, la Riviera sulle barricate. Riccione attacca Bonaccini: «Macchè chiudere tutto, serve riaprire»

È necessaria una costante, pronta, sinergia tra i genitori e le istituzioni, la scuola, le forze di polizia Ancora una volta determinante è stata la sinergia tra genitori particolarmente attenti all'uso della rete e degli smartphone da parte dei giovanissimi. (Yahoo Notizie)

C'è grande attesa per quanto riguarda la decisione in merito agli spostamenti dei cittadini fra le regioni e la distribuzione dei vaccini. E se da una parte i presidenti delle Regioni hanno chiesto all'unisono misure omogenee e modificazione del sistema a colori, sulla questione "Italia tutta zona arancione" ci sono invece stati pareri molto diversi. (ilGiornale.it)

La verità è che mi trovo d’accordo con il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, quando dice che serve riaprire - continua - bisogna essere pragmatici, non ideologici «Mi piacerebbe sapere in pratica il quasi lockdown o l’arancione scuro del governatore Bonaccini a quali restrizioni si riferiscano. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr