Genova: Regione Liguria si costituirà parte civile a processo Ponte Morandi

LaPresse CULTURA E SPETTACOLO

(LaPresse) – Regione Liguria ha dato mandato al proprio avvocato di costituirsi parte civile nel procedimento penale per il crollo del Ponte Morandi definendo la strategia processuale più efficace per tempi e modalità, nel miglior interesse dell’ente e della comunità ligure.

Milano, 11 ott.

Nel decreto, firmato dal presidente Giovanni Toti, si menziona “l’estrema gravità del fatto, sia per le drammatiche conseguenze in termini di perdita di vite umane sia per i rilevanti danni che ne sono derivati a carico della comunità e del territorio ligure”

(LaPresse)

La notizia riportata su altre testate

(LaPresse) – “Il presidente Silvio Berlusconi ha avuto un colloquio telefonico con Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Al centro della conversazione la condanna per le violenze perpetrate a Roma come a Milano, di ogni colore, a danno del sindacato e delle forze dell’ordine”. (LaPresse)

Già migliaia di persone pronte per il corteo delle 15 (VIDEO). A circa un quarto d'ora dall'inizio ufficiale del corteo di questo pomeriggio - l'inizio è previsto alle ore 15 -, già migliaia di persone riunite davanti ad Ausonia con direzione Piazza Unità (triestecafe.it)

Al termine della passeggiata sarà possibile pranzare a prezzo agevolato presso un ristorante, con menu a base di prodotti locali. Dopo la visita al frantoio con degustazione dell’Olio EVO si giungerà al centro storico per visitare il Castello per poi spostarsi nell’antico borgo di Cisano, dove si farà visita alla “Big Bench”. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Roma, 11 ott. (LaPresse) -. (LaPresse)

Poi gli occhi saranno puntati sul weekend del 30 e 31 ottobre quando, a Roma, si terrà il vertice conclusivo dei capi di Stato e di governo membri del G20. “La piazza è violenta quando non vi è da parte della politica la capacità di intercettare e canalizzare il dissenso”. (LaPresse)

A tale proposito, noi come coordinamento condanniamo fermamente i fatti di sabato – è la puntualizzazione di Dario Pacor, uno dei componenti del coordinamento “No Green pass” di Trieste –. Per noi il decreto che impone il Green pass sul lavoro va cancellato. (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr