Brusaferro (Iss): “Rimane il trend a tre velocità, ma la curva epidemica è ancora in calo”

Fanpage.it Fanpage.it (Interno)

"In tutte le regioni i casi sono in decremento ma rimangano le differenze tra le regioni che dividono sostanzialmente in tre aree il paese.

Rimane il trend "a tre velocità".

Ma Rt non è una pagella ma uno strumento dinamico che ci aiuta a capire cosa succede e va letto con altri dati" ha detto ancora Brusaferro.

Ne parlano anche altri media

​«Non possiamo escludere un incremento nelle prossime settimane ma non si tratta di una pagella settimanale delle regioni. Il dato emerge dal report settimanale del monitoraggio sulla fase 2, illustrato durante la conferenza stampa di oggi all'Istituto superiore di sanita. (Leggo.it)

«Dai dati quotidiani vediamo un trend in calo» in Lombardia, ha sottolineato ancora Brusaferro, conseguenza anche dei provvedimenti adottati a livello regionale. Il presidente dell’Istituto superiore di Sanità analizza l’andamento epidemiologico. (Il Dubbio)

Non credo sia pensabile però utilizzare Rt come base per la mobilità interregionale". "Il tema della mobilità fra Regioni è importante e l'obiettivo è affrontarla in sicurezza, probabilmente con numero di nuovi casi ridotto ancora di più rispetto a oggi". (PPN - Prima Pagina News)

“Non possiamo allentare le misure di protezione individuale- continua Brusaferro- e non possiamo escludere un incremento di casi nelle prossime settimane. Tanto piu’ andremo verso un numero di casi limitato, tanto piu’ il sistema sara’ sensibile per individuare subito i casi”. (Dire)

Un riferimento a chi aveva ipotizzato la possibilità di movimento solo tra regioni con medesimo profilo di rischio. Questo richiede il rispetto rigoroso delle misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l’igiene individuale e il distanziamento fisico». (La Stampa)

Gli attualmente positivi sono diminuiti di 1.638 unità nelle ultime 24 ore, per un totale di 59.322 (un ottimo dato, visto che non si scendeva sotto i 60mila dal 26 marzo). Dall’inizio dell’emergenza le vittime sono 32.616, ma continua a scendere il numero dei malati e dei pazienti in ospedale. (Caffeina Magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr