Covid, online verbali task force di febbraio 2020: cos'è emerso

Covid, online verbali task force di febbraio 2020: cos'è emerso
Virgilio Notizie INTERNO

A inizio febbraio 2020 non si pensava che il virus potesse arrivare in Italia. L’Istituto superiore di sanità, il 6 febbraio 2020, specificò nel corso di una riunione che “non c’è trasmissione del virus prima della comparsa dei sintomi“.

Come oggi sappiamo bene, invece, anche gli asintomatici sono in grado di contagiare gli altri.

Dai verbali emergono i pareri degli esperti su quella che al tempo non era ancora considerata una pandemia: a inizio febbraio 2020, gli esperti ritenevano che il virus non circolasse in Italia e in Europa, e che l’infezione fosse circoscritta alla Cina (Virgilio Notizie)

Su altri media

Il 14 febbraio Speranza chiede "in che termini interpretare la crescita di 15 mila casi in sole 24 ore, in Cina" Dai verbali traspare che nella task force la convinzione è che l’epidemia sia probabilmente controllabile. (Quotidiano.net)

E’ quanto si legge nei verbali della riunione della task force relativi al periodo 22 gennaio-21 febbraio 2020, pubblicati dopo la sentenza del Tar del Lazio. (Imola Oggi)

La necessità di aggiornare il piano pandemico nazionale messo a punto è stata rilevata per la prima volta il 15 febbraio 2020. Sono stati desecretati e pubblicati sul sito del ministero della Salute i resoconti della task force coronavirus relativi al periodo 22 gennaio-21 febbraio 2020, data, quest’ultima, in cui venne reso noto il ricovero del paziente uno di Codogno, il 38enne Mattia Maestri. (L'Unione Sarda.it)

Covid, pubblicati i verbali della task force: "Niente virus in Italia a inizio febbraio 2020"

Secondo la task force ancora a inizio febbraio 2020 gli esperti ritenevano che l’infezione fosse confinata alla Cina e non circolasse in Italia e in Europa. Non solo, il 6 febbraio gli esperti dicono che «non c’è trasmissione del virus prima della comparsa dei sintomi» (Open)

Ma la task force per l’emergenza Coronavirus non ne aveva contezza. Dai verbali traspare che nella task force la convinzione è che l’epidemia sia probabilmente controllabile. (Quotidiano.net)

A inizio febbraio 2020, gli esperti ritenevano che l'infezione da SarsCov2 fosse circoscritta alla Cina e che non ci fosse circolazione del virus in Italia e in Europa. (Tiscali Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr