Covid, per l'Europa Alto Adige in “rosso scuro” e Trentino in “rosso”

Covid, per l'Europa Alto Adige in “rosso scuro” e Trentino in “rosso”
Alto Adige INTERNO

Sono i nuovi, preoccupanti, dati, diffusi dalla mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

Alto Adige in rosso scuro, Trentino in rosso e nessuna regione europea in verde.

Nel resto d'Europa l'incidenza più alta dei contagi rispetto alla popolazione si registra nell'Europa centro orientale, nei paesi del Benelux in quelli baltici e in Irlanda, tutti in rosso scuro. (Alto Adige)

Se ne è parlato anche su altre testate

Se confermata dal Consiglio Ue, la scadenza dei certificati vaccinali entrerebbe in vigore il 10 gennaio 2022 e costringerebbe chi ha completato la prima vaccinazione 9 mesi prima del viaggio a fare il richiamo prima di entrare nell’Ue Il virus sta iniziando a circolare sempre più velocemente e anche in Italia il maggior numero delle regioni è in giallo. (La Stampa)

In una settimana le regioni in rosso passano così da tre a sette, nessuna regione è verde (la scorsa settimana lo era la Sardegna), mentre l’Alto Adige si conferma rosso scuro, a cui si aggiunge il Friuli Venezia Giulia. (LaPresse)

Rossetto scuro e sottotono: come riconoscerlo. Con sottotono si indica il colore di fondo della pelle, e ciò che ne determina le varianti è la temperatura. Infine, mai dimenticare che il rossetto non viaggia da solo: sarà utile quindi scegliere un blush (freddo o caldo) in armonia col nuovo rossetto scuro, per rendere il trucco decisamente più armonioso (DireDonna)

In zona gialla Friuli Venezia Giulia e Bolzano lunedì. Veneto e Marche, altri 7 giorni in bianco

Gli effetti della zona gialla in Fvg per teatri, cinema e discoteche. “Ora che il pubblico ha iniziato a ritornare in sala, ritrovarci nuovamente in zona gialla con limitazioni di capienza significherebbe compromettere tutto il lavoro fatto finora“ (Friuli Oggi)

Sono invece in rosso la Provincia di Trento, Veneto, Emilia-Romagna, Val d’Aosta, Liguria, Marche e Lazio: negli ultimi 14 giorni avrebbero conteggiato dai 200 ai 500 casi di contagio. Secondo la mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) l’Europa non ha più alcun territorio colorato di verde. (Open)

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati Tra le province regna una curva disomogenea, di crescita lineare, di accelerazione ma anche, in alcuni casi, di rallentamento. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr