Il 'falco' Weidmann lascia la Bundesbank, il QE avrà vita facile Da Investing.com

Investing.com ECONOMIA

"È stato concordato un obiettivo di inflazione simmetrico e più chiaro", ha continuato Weidmann nella lettera.

Di Alessandro Albano. Investing.com - Jens Weidmann non sarà più il presidente della Bundesbank a partire dal prossimo 31 dicembre, dopo aver chiesto le dimissioni al presidente federale Frank-Walter Steinmeier nella giornata odierna.

Secondo il governatore uscente, il futuro "dipende da come questa strategia verrà vissuta attraverso concrete decisioni di politica monetaria". (Investing.com)

Su altre fonti

Per Lagarde, Weidmann è «un buon amico», ma i suoi dieci anni in seno alla Bce sono stati tutt’altro che facili, segnati anche da duri contrasti con l’ex presidente Mario Draghi E proprio Weidmann nella lettera alla Buba ha ricordato come «la politica monetaria ha svolto un ruolo significativo di stabilizzazione durante questo periodo. (La Stampa)

Weidmann potrebbe essersi dimesso dalla presidenza della Bundebank per una crescente difficoltà nel conciliare le sue posizioni, spesso molto rigide a difesa dell’indipendenza della Bce dalle politiche di bilancio, con la politica monetaria della Banca centrale europea soprattutto in prospettiva nella fase post-pandemica (Il Sole 24 ORE)

Nonostante le tensioni causate dalla pandemia, siamo riusciti a portare a termine con successo la revisione della strategia come pietra miliare della politica monetaria europea. Come Bundesbank, abbiamo contribuito con fiducia al processo di revisione con la nostra competenza analitica e le nostre convinzioni. (Il Sole 24 ORE)

Lascerà la Bundesbank, che dirige dal maggio 2011, per motivi personali. "Sono giunto alla conclusione che più di 10 anni sono un buon periodo tempo per voltare pagina, per la Bundesbank, ma anche per me personalmente" (Rai News)

Il presidente della Banca centrale tedesca e membro falco del board della Bce lascerà il suo incarico alla fine dell'anno con cinque anni di anticipo rispetto alla fine naturale del suo mandato. Jens Weidmann si dimetterà dalla Bundesbank il prossimo 31 dicembre per motivi personali, un annuncio che coglie di sorpresa a una settimana dalla riunione della Bce (giovedì 28 ottobre). (Milano Finanza)

Lo rende noto la Banca centrale tedesca. Dopo dieci anni di copertura del ruolo di presidente, Weidmann ha chiesto al capo dello Stato Frank-Walter Steinmeier di accettare le sue dimissioni. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr