Iran: un accordo temporaneo di tre mesi con Aiea

Iran: un accordo temporaneo di tre mesi con Aiea
Vatican News ESTERI

Grossi ha sottolineato che "la legge esiste e verrà applicata", cioè che "il protocollo aggiuntivo sarà sospeso".

Oggi le vere minacce per l’umanità sono due, da una parte queste armi non convenzionali, dall’altra il cambiamento climatico

Il direttore generale dell'Aiea a Teheran ha incontrato diversi funzionari iraniani, tra cui il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif.

Questo protocollo consente agli ispettori dell'Aiea di ispezionare senza preavviso qualsiasi struttura, civile o militare. (Vatican News)

Ne parlano anche altre testate

L’organizzazione ha sottolineato che all’Agenzia internazionale per l’energia atomica non sarà consentito l’accesso al di là delle garanzie del trattato sulla non proliferazione delle armi nucleari. Una dichiarazione congiunta rilasciata dal Vice Presidente della Repubblica Islamica # Iran Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Incorpora un Tweet. (La Tribuna Sammarinese)

Esso consentiva, agli ispettori delle Nazioni Unite, di visitare le installazioni non dichiarate nelle quali c' era il sospetto che fosse arricchito l'uranio. (PPN - Prima Pagina News)

Teheran afferma comunque di essere pronta a tornare nei limiti quando Washington revocherà le sanzioni imposte Le riserve di uranio arricchito accumulate dall’Iran hanno raggiunto una quantità 14 volte superiore al limite consentito dall’accordo del 2015 sulle attività nucleari dell’Iran. (Corriere del Ticino)

"L'Iran arricchisce l'Uranio oltre il limite consentito". L'allarme dell'Aiea

Ad affermarlo è il ministero degli Esteri israeliano secondo una dichiarazione riportata dal portale israeliano di notizie Ynet. La Russia continuerà a dare un notevole contributo pratico al disarmo dei missili e delle armi nucleari, ha assicurato (IL GIORNO)

Lo si legge in una rivista specializzata, “Nature Sustainability”: di incenso ce n'è sempre meno, lo si produce quasi a stento e ne consuma troppo. Non c'è una di queste lande che non sia piagata dalla guerra, o almeno non sia a forte rischio (Yahoo Notizie)

E una piccola quantità di queste scorte, 17,6 kg, sono uranio arricchito fino al 20%, a un passo dai livelli che permettono di dotarsi di armi atomiche. La produzione di uranio arricchito è al centro del braccio di ferro con l'Iran (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr