Disagi al rientro a scuola: hackerato il registro elettronico

Disagi al rientro a scuola: hackerato il registro elettronico
Approfondimenti:
L'HuffPost INTERNO

A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane.

“A seguito dell’attacco subito dalla nostra piattaforma inviamo di seguito le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo”, scrive sul sito Axios.

Il registro elettronico è andato fuori uso, nel primo giorno di rientro a scuola, a causa di un attacco hacker e sarà ripristinato e disponibile con tutti i suoi servizi entro la mattinata di domani. (L'HuffPost)

Su altri media

Nel frattempo, i servizi comunali sono rimasti inaccessibili per una settimana e, ancora oggi, alcune funzionalità del sito del Comune sono inservibili. La società ha anche sottolineato che «dagli accertamenti effettuati, al momento, non ci risultano perdite di dati". (IL GIORNO)

Un attacco informatico ha messo fuori uso il registro elettronico gestito dalla società Axios , che fornisce il servizio al 40% delle scuole italiane. Sono quindi stati numerosi i disagi nel giorno del rientro in classe per le lezioni in presenza di circa 5,6 milioni di alunni. (Il Fatto Quotidiano)

Le “istruzioni di emergenza”. Secondo la spiegazione fornita dalla stessa Axios, il fatto è “inequivocabilmente conseguenza di un attacco ransomware portato alla nostra infrastruttura“. (Tecnica della Scuola)

Scuola, attacco hacker per Axios: rientro in classe senza registro elettronico

«Stiamo completando le attività di ripristino dell’infrastruttura - assicurano da Axios Italia - ed i test per le verifiche di sicurezza. Oggi gli studenti tornano in classe ma molti lo faranno senza il registro elettronico. (Il Messaggero)

Erdogan riceve Michel e Von der Leyen: ma per lei non c'è la sedia. La società ha quindi attivato sulla propria piattaforma il registro di emergenza, contando di risolvere il problema entro domani mattina. (Toscana Media News)

Il registro elettronico, andato fuori uso a causa di un attacco hacker, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro la mattina di domani. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr