Il caso Israele | palestre e cinema aperti a chi è vaccinato

Il caso Israele | palestre e cinema aperti a chi è vaccinato
Più informazioni:
Zazoom Blog ESTERI

Il caso Israele: palestre e cinema aperti a chi è vaccinato (Di lunedì 22 febbraio 2021) Il mondo guarda con speranza ad Israele, dove la campagna vaccinale è più avanti rispetto a qualunque altro paese e alcuni risultati iniziano ad evidenziarsi.

A partire dal crollo dei contagi registrati nelle prime settimane del 2021, per arrivare alla riapertura di alcune attività sociali per coloro i quali sono stati immunizzati rispetto al Covid-19. (Zazoom Blog)

Ne parlano anche altri giornali

Autorizzati anche concerti ed eventi sportivi con la presenza del pubblico ma con regole precise: limite massimo di 300 persone al chiuso e 500 all'aperto (askanews) - Israele ha iniziato ad allentare le restrizioni dovute alla pandemia di Covid-19 dopo che gli studi effettuati hanno rivelato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% nel prevenire ricoveri e morti. (Il Sole 24 ORE)

Tra le tante discussioni, valutazioni, i pro e i contro, c'è chi lo ha già adottato. Forte del numero delle persone vaccinate, ben 4 milioni e mezzo, Israele ha deciso di adottare il "Green Pass". (Giornale di Sicilia)

Perché al momento, per quello che riguarda la campagna vaccinale anti-covid, è lì che si guarda, a Tel Aviv. Si ottiene un codice a barre che va quindi mostrato all’ingresso delle attività tramite app o stampato (Il Riformista)

Nadir Arber a Sky TG24: “In Israele sperimentazione su farmaco anti-Covid”

Israele ha condotto la campagna di vaccinazione più rapida al mondo, somministrando almeno una dose al 46% dei suoi 9,3 milioni di abitanti. Il Regno Unito accelera sulla campagna di vaccinazione, annunciando che immunizzerà la popolazione adulta con la prima dose entro il 31 luglio. (LaPresse)

Israele ha il tasso di vaccinazione più alto al mondo: più del 49% delle persone ha, infatti, ricevuto almeno una dose del siero anti Covid. Dopo il successo della campagna di vaccinazioni saranno in grado di riaprire anche una serie di altre strutture tra cui palestre, hotel e sinagoghe (Fanpage.it)

Il farmaco “è stato somministrato su circa 30 pazienti e il nostro primo obiettivo era la sicurezza: il farmaco è molto sicuro, non vediamo alcun effetto collaterale e vediamo anche un miglioramento della respirazione”, ha spiegato Arber. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr