Google sostituisce Oracle con SAP

Google sostituisce Oracle con SAP
Punto Informatico ECONOMIA

In base alle informazioni ricevute dalla CNBC, Google sostituirà il software finanziario di Oracle con la corrispondente soluzione offerta da SAP.

Oracle compete con Google nell’offerta di soluzioni cloud per l’hosting delle applicazioni.

Come viene specificato sul sito ufficiale, Google consente di eseguire la migrazione dei carichi di lavoro Oracle tramite soluzioni bare metal

L’azienda di Larry Ellison non ha mai concesso la certificazione per usare il suo database su Google Cloud, quindi i clienti non hanno la certezza di poter ospitare i database Oracle sulla piattaforma di Google senza violare le licenze. (Punto Informatico)

Ne parlano anche altri giornali

Dopo dieci anni di azioni legali, si conclude una battaglia che vedeva Oracle schierarsi contro Google. Oracle continua a sostenere, anche dopo la sentenza, che Google ha «rubato» Java e «ha passato un decennio a litigare come solo un monopolista può fare (Corriere della Sera)

Su Java scontro da 9 miliardi. La battaglia era incentrata sull'utilizzo della tecnologia software di programmazione Java della Oracle da parte di Google, con una richiesta iniziale di danni pari a 9 miliardi di dollari ora andati in fumo. (Il Sole 24 ORE)

In un sistema nel quale solo Oracle deterrebbe le chiavi”. (Business Insider Italia)

Google vince contro Oracle la battaglia decennale sull’uso di Java per Android

Quando è nato Android, Google ha usato varie API di Java per semplificare lo sviluppo di nuove applicazioni di Android. La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in favore della società di Mountain View ha messo fine a una battaglia legale contro Oracle che è andata avanti per dieci anni. (DDay.it - Digital Day)

D’altra parte, per anni Oracle ha rifiutato di certificare il suo software dedicato ai database, prodotto di riferimento nel mercato internazionale, per il cloud di Google. La mancanza di questa certificazione è diventata un problema per le operazioni cloud di Google, in quanto ha limitato le forniture alle grandi aziende che utilizzano il software di database Oracle. (CorCom)

Alla votazione non ha partecipato Amy Coney Barrett, l’ultima giudice entrata a far parte della Corte su nomina dell’ex presidente Donald Trump Sei giudici hanno votato a favore di Google, due a favore di Oracle (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr