Vaccino AstraZeneca, boom di adesioni in Calabria all'azione risarcitoria lanciata dal Codacons

Calabria News ECONOMIA

- Advertisement - Albusiness 700x350. E’ boom di adesioni in Calabria all’azione risarcitoria lanciata dal Codacons contro Stato, Regione e Asl per il pasticcio del vaccino Astrazeneca agli under-60.

Danni quelli da rischio sanitario potenziale riconosciuti dalla giurisprudenza italiana, come dimostra il caso Seveso del 1976 o il più recente caso Ilva, con la sentenza di pochi giorni fa della Corte d’Assise di Taranto (Calabria News)

Su altre fonti

Come previsto in casi analoghi i sanitari cosentini hanno segnalato l’episodio all’Aifa, considerato che il decesso è arrivato dopo la somministrazione del vaccino Immediato è scattato il trasferimento in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza dove Irene Lomoro è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico che, purtroppo, si è rivelato insufficiente. (Calabria News)

Tutti i cittadini interessati ad aderire all’azione risarcitoria e a porre domande agli esperti dell’associazione possono iscriversi al webinar alla pagina https://register.gotowebinar.com/register/6595686996751804688 (Piceno Oggi)

"Il cittadino può esprimere una preferenza, ma alla fine deve essere il medico a decidere il vaccino più opportuno. Quando il ministero della Salute ha diramato la circolare il mix vaccinale risultava ‘off label', cioè fuori dalle indicazioni autorizzate. (Fanpage.it)

Danni derivanti da due diversi aspetti: il primo legato alla paura e all’angoscia per aver ricevuto un vaccino che ha avuto conseguenze gravi su alcuni cittadini al punto da portare ad una modifica del piano vaccinale. (picenotime)

Danni derivanti da due diversi aspetti: il primo legato alla paura e all’angoscia per aver ricevuto un vaccino che ha avuto conseguenze gravi su alcuni cittadini al punto da portare ad una modifica del piano vaccinale. (LuccaInDiretta)

Terzo punto: se una persona under 60 ha fatto la prima dose di AstraZeneca e le viene proposta la vaccinazione eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di AstraZeneca purché abbia un parere del medico e un consenso ben informato. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr