G8: noi c'eravamo - A mani nude

G8: noi c'eravamo - A mani nude
Approfondimenti:
Merate Online INTERNO

Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui .

(Merate Online)

Ne parlano anche altri media

E’ così che le macerie di Genova sono ancora tutte lì e nessuno le ha mai volute toccare “Nessuno di noi va a Genova, nessuno di noi che conosce la piazza, che lavora a stretto contatto con l’attivismo politico andrà a Genova. (Il Riformista)

di Leonardo Fiorentini. Sono passati 20 anni dal vertice di Genova del G8 e dalle manifestazioni di dissenso represse nel sangue. Non ne ero mai fuggito, prima di Genova. (Estense.com)

Il desiderio di chiedere scusa. «Io servivo lo Stato, Giuliani manifestava. In una prigione più solitaria e più scura: «Io sono morto da quel giorno come Giuliani. (LaC news24)

Anarchici dedicano attacco incendiario a Giuliani

"Io ho chiesto scusa non come assassino ma come una persona che ha avuto un trauma in servizio", ha aggiunto Placanica "La cosa più brutta è stato dover sparare, ma ero un Carabiniere". (Adnkronos)

Una verità processuale che urta con la logica e con la ricostruzione effettuata dalla famiglia del ragazzo . A Genova, vent’anni dopo. (Luce)

“Le fiamme che abbiamo sprigionate vogliamo dedicarle a Carlo e a tutti i ribelli e le rivoluzionarie che nel mondo sono cadute combattendo”. Gli anarchici genovesi hanno “dedicato” un attacco incendiario nei confronti di due ripetitori a Carlo Giuliani. (Liguria Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr