Mondiali Cortina 2021, ritorno al passato per lo slalom maschile: inversione solo dei primi 15

Mondiali Cortina 2021, ritorno al passato per lo slalom maschile: inversione solo dei primi 15
Sportface.it SPORT

La prassi dell’inversione dei 15 era prevista fino a metà degli anni ’90, in ogni caso il regolamento delle competizioni internazionali spiega che “possono essere emanate regole speciali per i Giochi Olimpici invernali, i Campionati mondiali, le Coppe del mondo e le Coppe Continentali”

In seconda manche, infatti, ci sarà l’inversione dell’ordine di partenza soltanto per i primi 15 in gara e non per tutti e 30 i qualificati: questo perché la pista potrebbe deteriorarsi più facilmente e dunque rallentarsi essendo previste temperature di tipo primaverile. (Sportface.it)

Ne parlano anche altri giornali

Dopo due settimane di gare mozzafiato anche questi i Campionati del mondo di sci alpino, ‘Cortina 2021’, stanno volgendo al termine. A segnare anche visibilmente la conclusione di Cortina 2021 sarà l’ammainabandiera del Tricolore e dello stendardo FIS. (MilanoSportiva)

Per le ultime due gare dei Mondiali di sci alpino di Cortina d’Ampezzo, in programma oggi e domani, si cambia palcoscenico, si lascia l’area d’arrivo di Rumerlo per andare nella vicina zona del Drusciè, pista che ospiterà le due prove di slalom speciale, femminile e maschile, che chiudono la rassegna iridata. (L'Amico del Popolo)

Il sogno di qualificarsi per la seconda manche era quasi cosa fatta ma, per sua sfortuna, la russa Ekaterina Tkachenko, con il pettorale 51, la estromette subito dalla possibilità di avere una pista perfetta al via della seconda manche. (OA Sport)

Per Marta relax casalingo dopo il trionfo mondiale di Cortina

Nella scheda biografica si definisce sciatore alpino, dirigente sportivo, cantante, fotografo, attore e principe messicano Mondiali di sci Cortina, il ''Principe Mariaci'' a 62 anni ancora in gara (IL VIDEO) per il Messico ma la discesa finisce male. (il Dolomiti)

Due medaglie ai mondiali sono un bel bottino - prosegue il tecnico bergamasco - non erano la nostra priorità. Adesso però si torna con la testa in coppa, ci danno tutti per sfavoriti nei confronti della Gut-Behrami, ma noi andiamo gara dopo gara, può succedere di tutto" (Fantaski.it)

«Una gara che non è mai girata, dopo la prima manche sapevo di essere distante, ho cercato comunque di fare una bella seconda – ha raccontato Marta -. Marta ha già provato l'emozione a Cinque Cerchi, vivendo da debuttante l'Olimpiade di Pyeongchang, ma ora è matura per viverne una da assoluta protagonista. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr