La strage di via D'Amelio, ore 16:58: il silenzio in ricordo delle vittime

La strage di via D'Amelio, ore 16:58: il silenzio in ricordo delle vittime
Più informazioni:
Rai News INTERNO

Da una via D'Amelio piena di gente, luogo dell'iniziativa intitolata "Scorta per la Memoria", si è alzato così più volte il grido "Fuori la mafia dallo Stato".

La strage di via D'Amelio, ore 16:58: il silenzio in ricordo delle vittime. Da una via D'Amelio piena di gente, luogo dell'iniziativa intitolata "Scorta per la Memoria", si è alzato così più volte il grido "Fuori la mafia dallo Stato". Condividi. (Rai News)

La notizia riportata su altri media

E' ancora forte il sentimento e il ricordo verso Emanuela Loi, l'agente di polizia assegnata alla scorta di Paolo Borsellino che rimase vittima nella strage di via D'Amelio a Palermo. Davanti alla targa posta due anni fa in Largo in Largo Emanuela Loi, a Bagno a Ripoli, si sono riuniti il questore di Firenze, Filippo Santarelli, e il sindaco Francesco Casini. (La Repubblica Firenze.it)

In questi ultimi dieci anni l’incorruttibilità dell’amministrazione è stata sotto gli occhi di tutti e questo è un fatto». Milano oggi è così e manteniamola così — ha aggiunto —. (Corriere della Sera)

Nella giornata di oggi, 19 luglio, è stato commemorato a Muggia il 29esimo anniversario della scomparsa dell'assistente Eddie Walter Cosina, deceduto a Palermo il 19 luglio 1992 nella strage di via D'Amelio in cui morirono anche il giudice Borsellino e altri agenti della scorta. (Triesteprima.it)

Davanti al Tribunale di Siracusa per ricordare il magistrato Paolo Borsellino

"Fuori la mafia dallo Stato" lo slogan ancora una volta urlato per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. Palermo: il 29esimo anniversario della Strage di via D’Amelio. In via D'Amelio una giornata di commemorazione con l'intervento dal palchetto montato vicino all'Albero della Pace dei componenti delle scorte sopravvissuti alle stragi e dei familiari delle vittime di mafia. (Rai News)

Giovanni Morgese di “Cuore e Territorio” ha consegnato al sindaco Michele de Pascale una targa, che verrà collocata all’ingresso del Comune di Ravenna, recante la dicitura “Senza memoria la mafia vince”. (ravennanotizie.it)

“Ci auguriamo che la libertà e l’anelito verso la giustizia prevalgano sempre sulla rassegnazione e sull’indifferenza, che Antonio Gramsci in uno scritto del 1917 definì il peso morto della storia – le parole di Paolo Cavallaro, responsabile per la provincia di Siracusa dell’associazione culturale Italiavvenire – Dobbiamo impegnarci tutti, facendo ognuno la propria parte nell’affermazione quotidiana della legalità, rifuggendo il puzzo del compromesso morale di cui parlava Paolo Borsellino. (Siracusa News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr