L'OCSE avverte che la vaccinazione globale disuguale minaccia la ripresa economica

NbaRevolution ECONOMIA

Al contrario, i paesi con bassi tassi di vaccinazione sono nettamente diminuiti rispetto ad altri paesi, ha affermato l’OMS.

Alla domanda sull’impatto di un possibile collasso del colosso immobiliare carico di debiti Evergrande, la signora Boone ha detto: l’agenzia cinese deve affrontare eventuali ripercussioni.

“Se continuiamo a vaccinare e ad adattarci meglio alla convivenza con il virus, l’offerta inizierà a tornare alla normalità e la pressione si dissiperà”, ha affermato la signora Boone

“Ci sono alcune parti che non hanno lasciato le fabbriche in paesi con epidemie di virus”, ha detto la signora Boone. (NbaRevolution)

Su altre testate

Rispetto alle Prospettive economiche di maggio, l’Ocse ha rivisto le stime italiane al rialzo di 1,4 punti per il 2021 e al ribasso di -0,3 punti per il 2022. Per quanto riguarda il Pil mondiale: dovrebbe crescere al 5,7% quest’anno e al 4,5% nel prossimo. (L'Eco Vicentino)

Restano, però, le incertezze nel futuro prossimo e per questo motivo l’invito è sempre il solito: mantenere i sostegni economici almeno fino a quando il momento complicato è stato messo alle spalle e si potrà guardare ai prossimi mesi con fiducia (News Mondo)

In un aggiornamento di interim del suo Economic Outlook, l'Ocse ha sostanzialmente confermato le previsioni di crescita globale, mentre ha rivisto al rialzo quelle sull'area euro e, limitatamente al 2021, sull'Italia. (DiariodelWeb.it)

“La mancata vaccinazione a livello globale ci mette tutti a rischio”, ha affermato briefing sulle notizie. Boone ha aggiunto che i tassi di vaccinazione rimangono diversi e molti paesi a basso reddito e mercati emergenti, ad eccezione della Cina, sono ancora in ritardo. (NbaRevolution)

Rispetto alle Prospettive economiche di maggio, l’Ocse ha rivisto le stime italiane al rialzo di 1,4 punti per il 2021 e al ribasso di -0,3 punti per il 2022. Per quanto riguarda il Pil mondiale: dovrebbe crescere al 5,7% quest’anno e al 4,5% nel prossimo. (ART News - Agenzia Stampa)

Sarebbe importante in questo senso avere un monitoraggio continuo che ci dica a che punto siamo rispetto al cronoprogramma. Sicuramente da questo punto di vista è meglio avere una Germania in ripresa economica che non in crisi. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr