Napoli / Caserta – Camorra: 31 arresti in tre regioni. Sequestri per 25 milioni

Napoli / Caserta – Camorra: 31 arresti in tre regioni. Sequestri per 25 milioni
Paesenews INTERNO

Associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti, aggravati dal cosiddetto “metodo mafioso”, questi i reati a vario titolo contestati agli indagati.

Contestualmente, sono in corso, tra Campania, Molise ed Emilia-Romagna, sequestri di beni immobili, società e denaro contante per un valore di oltre 25 milioni di euro

Condividi. Tempo di lettura stimato: (Paesenews)

Su altre fonti

Contestualmente, tra Campania, MOLISE (IN PROVINCIA DI CAMPOBASSO) ed Emilia-Romagna, un decreto di sequestro di beni immobili, società e denaro contante per un valore di oltre 25 milioni di euro. (Il Quotidiano del Molse)

I reati contestati agli indagati, a vario titolo, sono di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti, aggravati dal metodo mafioso. (Fanpage.it)

ssociazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti, aggravati dal “metodo mafioso”, questi i reati a vario titolo contestati agli indagati. (Internapoli)

Blitz anti camorra in Molise: 31 arresti, sequestri per milioni di euro

Infine emetteva “regolare” fattura al commerciale La sede dell’Aicast di Melito di Napoli, considerata il “quartier generale” di gran parte dei membri del clan e luogo di riunione, di concertazione di deliberazioni criminali e di incontro con le vittime designate delle estorsioni, è sotto sequestro. (Il Fatto Vesuviano)

Contestualmente, sono in corso, tra Campania, Molise ed Emilia Romagna, sequestri di beni immobili, società e denaro contante per un valore di oltre 25 milioni di euro. Infine, nel corso dell’inchiesta, è stato scoperto il coinvolgimento di due appartenenti alla Polizia Municipale di Melito e di Napoli (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Dei soggetti destinatari di misura cautelare tre sono beneficiari di reddito di cittadinanza, mentre ulteriori cinque risultano inseriti in nuclei familiari percettori del beneficio e pertanto verranno segnalati all'Inps per l'adozione dei conseguenti provvedimenti. (isnews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr