West Nile virus: perché non c’è ragione di cadere nel panico anche se raddoppiano i casi in Italia

Open SALUTE

Il West Nile Virus è stato isolato per la prima volta in Uganda nel 1937 nell’omonimo distretto di West Nile.

Secondo l’Istituto superiore di sanità (Iss) i casi di West Nile virus in Italia «sono più che raddoppiati nell’ultima settimana».

Il precedente bollettino (emesso lo scorso 26 luglio) riportava 42 casi casi confermati di infezione nell’uomo».

Non si trasmette da persona a persona. La malattia associata al virus è la febbre West Nile (febbre del Nilo Occidentale). (Open)

Su altri media

Consigli utili per difendersi dalle zanzare sono contenuti nella brochure informativa scaricabile dal sito della Regione Veneto www.regione.veneto.it/web/sanita/arbovirosi. È importante, infatti, eliminare le fonti di acqua stagnante, tenendo il verde curato e trattando le caditoie con prodotti larvicidi per zanzare. (VeneziaToday)

Alla luce dell’aumento dei contagi, inoltre, non è escluso che già giovedì vengano disposti altri interventi specifici, fermo restando quelli ordinari che vengono regolarmente compiuti oltre alle disinfestazioni adulticide fatte ad hoc - e su richiesta - alla vigilia di eventi pubblici all’aperto in cui è prevista la presenza di molte persone, in modo da «bonificare» l’area e ridurre i rischi. (Corriere)

Uno dei due è ricoverato e sta migliorando, il secondo ha avuto sintomi più lievi, non ha avuto bisogno di ricovero ed è stato segnalato ad Ats dal medico di famiglia nell'ambito della rete della sorveglianza sanitaria dedicata all'emergenza. (IL GIORNO)

Il virus West Nile fa paura: casi raddoppiati

Sei nuovi casi accertati di West Nile nell’arco di 24 ore. Possiamo affermare che la West Nile ha soppiantato il Covid, per numeri, in molti reparti, anche ad alta intensità di cura» (Il Mattino di Padova)

West Nile, morto uomo colpito da virus a Padova: era ricoverato con encefalite grave. West Nile cos'è e come si prende. Il virus è diffuso principalmente in Africa, Asia occidentale, Europa, Australia e America. (ilmattino.it)

Terapia e trattamento. Non esiste una terapia specifica per la febbre West Nile La febbre West Nile non si trasmette da persona a persona tramite il contatto con le persone infette. (Tiscali Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr