Il Sole 24 Ore – Bond Inter, c’è la cifra. Prestito Oaktree, nuovi dettagli: interessi salatissimi

Fcinternews.it SPORT

Con il Pik l’effetto finale è, dunque, che i costi degli interessi sono molto più salati.

Questi ultimi vengono poi ricalcolati sul montante: si arriva quindi a 332,75 milioni, successivamente a 366,025 milioni e così via.

E, in caso di non rimborso da parte della famiglia Zhang, Oaktree diventerebbe proprietario dell’Inter"

Si tratterebbe, scrive Il Sole, di un finanziamento Pik (Payment in kind) a tre anni, con interessi superiore al 10%. (Fcinternews.it)

Su altri giornali

Un'operazione da 425 milioni per il nuovo bond dell’Inter: lo riporta oggi Il Sole 24 Ore, che entra nei dettagli della situazione. Alessandro Cosattini. Un'operazione da 425 milioni per il nuovo bond dell’Inter. (fcinter1908)

Secondo il Sole 24 Ore l'Inter ha definito l'entità dell'emissione per rifinanziare il debito ed è a lavoro con Goldman Sachs e Rotschild per la collocazione del nuovo bond che sarà da 425 milioni di euro. (Tutto Napoli)

⚫️⚪️ — Newcastle United FC (@NUFC) January 13, 2022. Le cifre dell’affare. Secondo quanto riferito da Sky Sports, Newcastle e Burnley hanno trovato un’accordo economico sulla base di 30 milioni di euro per il trasferimento del centravanti trentenne ai bianconeri, cifra che era pari alla clausola rescissoria presente sul contratto del neozelandese. (Calcio In Pillole)

Interessi che poi vengono ricalcolati a partire dalla cifra complessiva, salendo in seguito così a 332,75 milioni e successivamente a 366,025 milioni. Come riportato dal Sole 24 Ore, sono emersi alcuni dettagli: si tratterebbe infatti di un finanziamento cosiddetto Pik, cioè «Payment in kind» con scadenza nel 2024 e con interessi superiori al 10 per cento. (Calcio e Finanza)

Ascolta la versione audio dell'articolo. 2' di lettura. L’Inter definisce l’entità della nuova emissione per rifinanziare il suo debito attuale ed è al lavoro con la banca d’affari americana Goldman Sachs e con Rothschild, quest’ultima come consulente, per collocare il nuovo maxi-bond: sarà, secondo le indiscrezioni, da 425 milioni di euro e servirà non solo a rifinanziare le emissioni con scadenza 31 dicembre 2022, ma anche la linea di credito da 50 milioni che era stata utilizzata dal club nerazzurro, fornita a suo tempo dalla stessa Goldman Sachs e (Il Sole 24 ORE)

L’operazione sarebbe rivolta a investitori italiani ed esteri, tra i quali anche grandi investitori internazionali come Blackrock e Pimco. L’obiettivo è quello di rifinanziare il bond in scadenza al 31 dicembre 2022 oltre ad una linea di credito da 50 milioni fornita dalla stessa Goldman Sachs e da Ubi Banca (ora Intesa Sanpaolo). (Calcio e Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr