"Reddito di cittadinanza, i promotori perderanno voti"

Reddito di cittadinanza, i promotori perderanno voti
il Resto del Carlino INTERNO

Sono convinto che le prossime elezioni amministrative mostreranno che questa riconosciuta elargizione, sia pure indubbiamente per uno scopo socio umanitario, è stata concessa con troppa leggera filantropia.

Gian Pietro Fogli

Certamente non la maggioranza dell’opinione pubblica.

E i partiti promotori vedranno esaurita la propria spinta propulsiva di credibilità. visto che è stato attribuito a molte persone senza avene diritto. (il Resto del Carlino)

Ne parlano anche altri media

Sul versante della lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, costante impegno della Guardia di Finanza a tutela della sicurezza economico-finanziaria e a difesa della salute pubblica, sono stati svolti 3 interventi, che hanno consentito di sottoporre a sequestro modiche quantità di sostanze illecite e di segnalare ai competenti Prefetti 3 soggetti, quali assuntori (ilmattino.it)

Le verifiche sono state effettuate con la collaborazione tra la Guardia di Finanza e l’Inps e, solo lo scorso anno, in Puglia hanno consentito di bloccare 1 milione di euro non ancora riscosso Nonostante fosse un commerciante ittico, con diversi precedenti penali e una condanna, Donato Di Cosmo, ex pezzo grosso del clan Anemolo di Carrassi ora collaboratore di giustizia, percepiva il reddito di cittadinanza. (Il Quotidiano Italiano - Bari)

di Redazione. "Può essere uno strumento utile, ma ha bisogno di qualche correzione", è questa l'opinione più diffusa tra i cittadini del centro di Genova quando gli viene chiesto quale sia il loro pensiero sul reddito di cittadinanza. (Telenord)

“Sul reddito di cittadinanza bisogna cambiare registro”, le denunce a Messina infiammano il dibattito

i Carabinieri della Compagnia di Patti hanno denunciato 5 uomini con precedenti di polizia, di età compresa tra i 22 ed i 67 anni. i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno denunciato complessivamente 20 persone. (Sicilia Reporter)

L’uomo, al fine di ottenere indebitamente il beneficio del reddito di cittadinanza, produceva false dichiarazioni relative al suo soggiorno in Italia. In Regione infatti circa il 26% dei percettori di reddito di cittadinanza che hanno stipulato il patto per il lavoro ha contratto almeno un rapporto successivo alla data della sottoscrizione. (Genova24.it)

Per questo come Lega ci impegneremo per rimodulare il sussidio affinché gli aiuti vadano agli italiani onesti e non ai delinquenti". Il parere dell’Ocse è arrivato nel bel mezzo di un incandescente dibattito politico tra chi vorrebbe abolire il reddito di cittadinanza e chi lo difende a spada tratta (MessinaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr